Le foto di Oddo 1

"Baule del diavolo" di Cividale

Il Baule del Diavolo Ŕ un mercatino delle cose vecchie e usate riservato ai privati cittadini, basato sulla l.r. n. 10/1981. Si svolge ormai da diversi anni la quarta domenica di ogni mese (escluso Luglio) dalle 8.00 alle 20.00 in piazza del Duomo, largo Boiani e piazza Foro G. Cesare, con una potenziale capienza di circa 120 banchi. Una zona Ŕ riservata esclusivamente ai bambini. Gli espositori presenti, provenienti anche da altre regioni italiane e dall'Austria, portano una grande varietÓ di prodotti, per cui questa manifestazione ha assunto via via una maggiore importanza e considerazione sia tra gli appassionati ed i collezionisti, che si presentano giÓ nelle prime ore del mattino, sia tra la gente comune, che trova facilmente qualcosa di suo gradimento.Per le prenotazioni ed ogni tipo di informazione Ŕ possibile contattare in orario ufficio:

PRO LOCO DI CIVIDALE DEL FRIULI
via Scipione da Manzano, 32 - 33043 Cividale del Friuli (UD)
Tel. 0432-732401 - Sito: http://www.procividale.it/ -E-mail:
prenotazionibaule@procividale.it

 Il servizio fotografico di Oddo Lesizza Ŕ stato effettuato Domenica 27 Agosto 2006


...veduta dal Borg di puint...


...le bancarelle in piazza del Duomo...

 


...Foro G. Cesare (Piazza A.Ristori)...


...per ritornare aldilÓ del Ponte del Diavolo...

 

Venerdý 8 settembre 2006
31░ PELLEGRINAGGIO DIOCESANO A CASTELMONTE

     Venerdý 8 settembre si Ŕ rinnovato il pellegrinaggio diocesano a Castelmonte che dal 1976, anno del terremoto, richiama numerosissimi fedeli della chiesa udinese ai piedi della Vergine Maria, nella festa della sua nativitÓ. Fu l'allora arcivescovo di Udine, mons. Alfredo Battisti a volere questo pellegrinaggio per invocare forza e coraggio nell'affrontare la ricostruzione. Proprio per questo, l'arcivescovo mons. Pietro Brollo ha invitato mons. Battisti a co-presiedere anche questa edizione dell'importante appuntamento ecclesiale. I pellegrini sono si sono ritrovati alle ore 14.30 a Carraria di Cividale presso la chiesa posta ai piedi della salita per Castelmonte, ma senza la partecipazione di mons. Brollo a causa dei seri problemi di salute che lo avevano colpito nei mesi scorsi. Il presule era per˛ presente alla concelebrazione eucaristica sul piazzale del santuario ed alla conclusione del  pellegrinaggio con l'omaggio floreale all'immagine della Vergine in santuario e con il canto del Magnificat.


Partenza da Carraria...


...salita della processione in ordine sparso...


...panoramiche immagini della folla di fedeli sul grande piazzale...


...presenti le autoritÓ...


...inizio della Messa...


...una veduta dal fondo...


...l'offerta dei ragazzi e il personale dell' UNITALSI pronto a ricevere l'offerta dei grandi...


...alcuni momenti della celebrazione...


...il contatto con la gente...


... e la salita verso la chiesa per l'omaggio finale alla Vergine...

Santuario di Castelmonte
Situato sulla sommitÓ di un colle (618 m. s.l.m.) a est di Cividale del Friuli, svetta il santuario di Castelmonte, la cui fondazione sembra molto remota. Alcuni indizi fanno pensare ad un sacello, forse dei secoli V -VI, dedicato alla Madonna o a S. Michele Arcangelo (tuttora venerato nella cripta).
Alte mura racchiudono la chiesa - dedicata all'Assunzione di Maria Vergine e consacrata il 15 maggio 1744 - meta di pellegrinaggi da tempo immemorabile, attorno a cui sono sorti, in epoche successive, vari edifici. In questo luogo, importante nodo strategico per la difesa orientale della pianura friulana, esistevano giÓ nel XII secolo una rocca e una chiesa. Il primo documento scritto che cita la chiesa risale al 1175. Una sempre crescente devozione port˛ qui, lungo i secoli, innumerevoli schiere di pellegrini, che venivano ripagati con indulgenze speciali: ne promulgarono di particolari i pontefici Innocenzo IV nel 1247, Urbano VI nel 1378 e Sisto IV nel 1478.
Danneggiato da un'incursione di Ungari (guerrieri a cavallo originariamente provenienti dalle steppe della Siberia occidentale) nel 1419, devastato da un rovinoso incendio causato da un fulmine nel 1469, semidistrutto dai terremoti del 1511 e del 1513, il santuario venne ampliato e abbellito nel Cinque-Seicento, ma poi privato dei suoi tesori d'arte durante la dominazione napoleonica (1797-1799).
Nel 1866 il governo italiano, appena insediatosi in Friuli, confisc˛ i beni del santuario e nel 1873 le autoritÓ vietarono anche i pellegrinaggi. Nel 1913 l'arcivescovo mons. Antonio Anastasio Rossi ne affid˛ la custodia ai Cappuccini.
Nell'ambito della II Guerra mondiale, nel novembre del 1943 il santuario e il convento furono colpiti da ripetuti colpi di artiglieria tedesca. Incolumi i religiosi cappuccini e la popolazione del borgo.
L'opera pi¨ importante del complesso Ŕ conservata proprio nel santuario. Si tratta della statua in pietra dipinta della Madonna con bambino, eseguita certamente prima del 1479 (anno in cui venne benedetta e intronizzata) da scultori gravitanti nella sfera artistica salisburghese.
La festa pi¨ importante si celebra, ogni anno, l'8 settembre (NativitÓ della B.V. Maria) con un grande pellegrinaggio diocesano e una solenne S. Messa all'aperto.

Gita a Castelmonte
27 Luglio2006

 S¨ e j¨ par CividÔt

 

 Cividale del Friuli, Agosto 2006 - 10 inquadrature verticali


 Cividale del Friuli, Luglio 2006

060826oddo01.jpg (98628 byte) 060826oddo02.jpg (79752 byte) 060826oddo03.jpg (98739 byte) 060826oddo04.jpg (74013 byte) 060826oddo05.jpg (130995 byte)
 Cividale del Friuli - Luglio 2006