Premariacco (UD), 24 Settembre 2017
Chiesa di San Silvestro Papa

In occasione del 59 Congresso Provinciale AFDS
Santa Messa
presieduta dall'Arcivescovo Mons. Andrea Bruno Mazzocato
accompagnata dal Coro "G. Coceancigh" di Ipplis con Gianluca Micheloni all'organo


Per realizzare questo servizio ci siamo valsi della preziosa collaborazione di Oddo Lesizza,
presente anche sul luogo del raduno ed ha ripreso le fasi di preparazione del corteo...


...comprese le "signorine dei garofani" che adornavano i congressisti al loro arrivo...


...la partenza del corteo guidato dal Corpo Bandistico di Fagagna diretto da Mauro Verona...


...e arrivo al Monumento ai Caduti per la posa della corona d'alloro al suono dell'Inno Nazionale...


...i cui echi arrivavano fin sul sagrato della chiesa, dove Oddo stava arrivando per darci man forte...


...in attesa dell'arrivo dell'Arcivescovo...


...il corteo che si era fermato al limite del vialone stracolmo di labari e congressisti...


...si quindi rimesso in marcia per entrare in chiesa...



...che vi presentiamo in questa sequenza di immagini scelte ogni decina di scatti...
 


...con il gruppetto guidato da due giovanissimi davanti alle autorit
ed al gonfalone della Sezione di Mortegliano in lutto per la morte della sua Presidente...



...abbiamo seguito la sfilata dei congressisti che occupavano ancora l'intero viale...
 

...fino all'arrivo dello striscione della "Valli", e poi ci siamo ritirati per entrare in chiesa...


...dove i labari avevano riempito il fondo del presbiterio e in parte della navata sinistra...



CANTO DI APERTURA


         
...benvenuto del parroco Mons. Pietro Moratto e saluto dell'Arcivescovo...


...immagini alle Letture...


...e all'omelia di S.E. Mons. Andrea Bruno Mazzocato...


...panoramiche dai due estremi laterali delle navate...



PREGHIERE DEI FEDELI


...dalla liturgia eucaristica al Padre nostro...

...in questa foto di Oddo ripresa dall'alto del presbiterio, fuori dalla porta si notano ombrelli aperti...


ESTRATTO DAI CANTI DI COMUNIONE


         
PREJERE DAL DONADR E BENEDIZIONE



Corit! Une vite in percul:
un viili, une mri, un canai?
Susprs di mil frdis che clmin
pes stradis e in duc' i ospedai.
Corn! Une vite in pericul:
magari l' un nestri nem.
Plui bil ancjem sustignlu,
salvlu e no fsi cap.
Il sanc, oh chel sanc ch'i tu purtis
al jemple la vene ch'a mr:
la vite, la vite ch'a torne!
Si jemple di gionde il to cr.
Frl, 'vonde sanc cu lis armis;
il nestri ch'al sei sanc di amr:
un ben ch'i metn in musine
par vnci la muart e il dolr.
Des monz fin j j pe marine,
Frl ancje in chest tu ss prin,
content s'a ti ds: Diu t'al merti
un viili, une mri, un frutn.
Il sanc, oh chel sanc ch'i tu purtis...

-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-

...mentre all'estero allegramente pioveva... trasferimento in Via Ponte Romano per i...

 LAVORI DEL CONGRESSO

Insegniamo ai giovani a non essere egoisti
(a.c. - Messaggero Veneto del 25 Settembre 2017)

          Si fatto attendere, come la pioggia che ha sorpreso i donatori all'uscita della parrocchiale di San Silvestro, ma l'arrivo dell'arcivescovo monsignor Andrea Bruno Mazzocato ha centrato, come sempre, il bersaglio. A partire dall'omelia ispirata dalla lettura della parabola sugli operai mandati dal padrone a lavorare nella vigna. Dalle parole dell'evangelista Matteo l'arcivescovo ha mutuato l'esempio di quegli uomini sottratti all'ozio e mandati a lavorare fra i filari. La vita inutile se viene sprecata da chi impiega tutto il proprio tempo pensando ai propri interessi, quanto quella degli operai oziosi. L'esistenza umana ha un valore solo se porta frutti - ha incalzato il presule - come ha un senso la nostra Associazione friulana donatori di sangue. Se venisse a mancare - ha osservato - saremmo tutti pi poveri perch donare qualcosa, in questo caso il sangue per un fratello o una sorella, che sono ammalati, tiene viva l'anima di un popolo. Avremo un futuro se sar grande il nostro animo, non lo avremo se invece saremo egoisti come gli operai oziosi e ci interesseremo solo a noi stessi. Da qui il monito riferito alle nuove generazioni: Non facciamo in modo che respirino aria scadente - stato il suo invito - i ragazzi possono allargare il proprio cuore, ma bisogna insegnare loro a farlo. Un messaggio di fiducia e di incitamento cui si aggiunto quello di don Pietro Moratto. Ci auguriamo che questa giornata ci aiuti a crescere nell'amore e nella sensibilit per chi pi fragile e ha bisogno di aiuto - stato l'auspicio del parroco di Premariacco - e speriamo che il Signore ci sostenga e ci ricompensi per la nostra attivit.