Caporetto
N 46░14.85   -  E 013░34.65

http://www.kobarid.si

Cap00.JPG (49913 byte)

     Caporetto Ŕ una pittoresca cittadina dell'Alto Isonzo sovrastata dalle cime del Monte Nero, del Matajur e dello Stol, lambita dalle vivide acque dell'Isonzo e del Natisone e dei loro numerosi affluenti e cascate. Lo stupendo paesaggio delle Alpi Giulie attira i turisti che rifuggono dagli affollati centri turistici per dare la preferenza ad un ambiente tranquillo che offra possibilitÓ di passeggiate o di attivitÓ sportive per il tempo libero: pesca, escursioni alpine, ciclismo, kayak, rafting, canoa, parapendio, ecc.
     I resti del fronte dell'Isonzo tuttora presenti in gran numero sui vicini rilievi montuosi, sono i taciti testimoni di quegli eventi della prima guerra mondiale che resero noto nel mondo il nome di Kobarid, Caporetto, Karfreit. I nipoti dei soldati appartenenti alle diverse nazioni europee che qui si scontrarono, imparano ora a conoscere le localitÓ che furono teatro di quelle azioni guerresche raccontate anche dal Museo di Caporetto, insignito del premio per i musei del Consiglio d'Europa, e dall'itinerario storico-didattico tracciato nei suggestivi dintorni di Caporetto.

       Tipica della regione di Caporetto Ŕ la villeggiatura agrituristica presso aziende agricole, in appartamenti e camere private oppure quella trascorsa nei campeggi lungo l'Isonzo e il Natisone o nell'albergo a gestione familiare di Caporetto. Le specialitÓ culinarie delle ottime trattorie costituiscono un'attrattiva per gli ospiti del vicino Friuli e della Carinzia.
 Unitevi a loro nelle localitÓ che si affacciano sulle rive del fiume pi¨ bello d'Europa, l'Isonzo, nella valle che fa da tramite tra le vette delle Alpi e il tepore dell'Adriatico. Siete attesi dalla cortese ospitalitÓ locale. Arrivederci a Caporetto!

Documentazione gentilmente fornita dall'Ufficio Turistico e Museo di Caporetto.

  bar27.gif (2590 byte)

L'ITINERARIO STORICO DI CAPORETTO

      La costituzione dell'itinerario storico, richiese all' Ente per il turismo Kobarid e al Museo di Caporetto ben cinque anni di lavoro che vanno dal marzo 1993 all'ottobre 1998. Questo itinerario collega luoghi situati nei dintorni di Caporetto che presentano  importanti attrattive di carattere storico, culturale e ambientale. La sua lunghezza Ŕ di cinque chilometri, per compiere l'intero percorso e le visite dei luoghi di particolare interesse segnalati occorrono dalle tre alle cinque ore. Lungo il percorso si trovano le trattorie "Ganzlranc" e "Kamp Koren" che offrono ristoro ai turisti. Se si desidera essere accompagnati da una guida, Ŕ sufficiente telefonare al Museo di Caporetto chiamando il n. 00386-65-85055. I posti di particolare interesse segnalati lungo l'itinerario storico sono:

1. Il Museo di Caporetto
2. L'insediamento romano del Gradic.
3. l'ossario italiano
4. Il Tonocov grad
5. La linea difensiva italiana

6. La forra dell'isonzo
7. Le cascate del torrente Kozjak
8. La linea difensiva italiana
9. Il ponte di Napoleone

 1 - IL MUSEO DI CAPORETTO

Cap02.JPG (17512 byte)

     Fu inaugurato il 20 ottobre 1990 e illustra ai visitatori quanto accadde sul fronte isontino durante la prima guerra mondiale con una rappresentazione particolarmente dettagliata della dodicesima offensiva dell'Isonzo, nota con il nome di "battaglia di Caporetto". Essa Ŕ stata il pi¨ imponente scontro armato di tutta la storia dell'umanitÓ combattutosi in regione montuosa, la pi¨ importante battaglia avvenuta in terra slovena e la meglio riuscita operazione di sfondamento della prima guerra mondiale. Nel museo Ŕ rappresentata anche la storia di Caporetto dal periodo preistorico ad oggi.
     Per la sua istituzione e per la forza narrativa delle sue collezioni il Museo ha ricevuto nel 1992 il pi¨ alto riconoscimento sloveno per i musei, il Premio Valvasor, e nell'anno successivo anche il premio del Consiglio d'Europa, riservato al migliore museo europeo nel 1993. Il Museo Ŕ aperto tutti i giorni.

  

2 - L'INSEDIAMENTO ROMANO SUL GRADIC

Cap03.JPG (9379 byte)

Il centro abitato protostorico e classico antico del Gradic fu costruito su uno sperone roccioso che domina la vallata. Le monete che vi furono trovate, le statuette e gli altri reperti fanno risalire questo insediamento all'epoca compresa tra il II secolo av.Cr. e il IV secolo d.Cr. Gli scavi compiuti nella necropoli lungo l'Isonzo portarono alla luce 1405 tombe, evidenziando cosi l'ampiezza e l'importanza dell'insediamento. Tuttora sono visibili i ruderi dell'abitato protostorico e di quello classico. Purtroppo la gran parte dei resti fu distrutta durante la costruzione dell'ossario avvenuta sessant'anni fa.

  3 - L'OSSARIO ITALIANO

Cap04.JPG (22995 byte)

     Fu costruito sul Gradic e culmina al centro con la chiesa di S. Antonio. Vi si accede attraverso una strada ai margini della quale sono disposte le stazioni della Via Crucis.
    
La costruzione dell'ossario richiese tre anni, terminato nel settembre del 1938, fu inaugurato da Benito Mussolini. I progetti sono dello scultore Giannino Castiglioni e dell'architetto Giovanni Grappi. Ha forma ottagonale ed Ŕ costituito da tre gradoni concentrici degradanti verso l'alto. Al culmine si trova la chiesa di S. Antonio consacrata nel 1696. Nell'ossario furono trasportate le salme di 7014 soldati italiani, noti ed ignoti, caduti durante la prima guerra mondiale, prelevate dai cimiteri di guerra dei dintorni. I loro nomi sono incisi in lastre di serpentina verde. Ai fianchi della scalinata centrale sono disposti i loculi contenenti i resti di 1748 militi ignoti. L'ossario ha un eccezionale valore storico, documentario ed artistico.

 

  4 - TONOCOV GRAD

Cap05.JPG (20053 byte)

     Si tratta di un colle erto, roccioso che domina l'Isonzo a nord di Caporetto e attraverso molti secoli fu scelto, data la sua posizione naturalmente difesa, come luogo di ricovero e di abitazione. Vi si trovano tracce della presenza umana che risalgono giÓ al periodo mesolitico di diversi millenni fa e arrivano fino all'epoca tardo-medievale. Il ruolo pi¨ importante gli fu assegnato tra il IV e il VI secolo d.Cr. nell'era tardo-antica, al tempo delle migrazioni dei popoli. Fu sede di un forte presidio militare posto a guardia di un'importante strada che dalla pianura friulana conduceva verso i paesi del nord. Alla fine del V secolo sorse su questo colle un villaggio fortificato costituito da piu' di venti case d'abitazione e diverse chiese. Lungo i lati pi¨ facilmente accessibili l'abitato era difeso da mura. Gli edifici riportati alla luce dagli scavi e quelli riconoscibili dai resti affioranti alla superficie nonchŔ i ricchi reperti pongono il Tonocov grad tra i pi¨ importanti e meglio conservati villaggi fortificati alpini dell'era tardo-antica che si trovano nelle Alpi Orientali.
    
Sul Tonocov grad sono chiaramente visibili anche le trincee e i ricoveri militari costruiti durante la prima e la seconda guerra mondiale.

 

 5 - LA LINEA DIFENSIVA ITALIANA

Cap06.JPG (22185 byte)

     Un sentiero percorso giÓ dagli abitanti antichi e completato a tratti dai soldati italiani durante la prima guerra mondiale, ci porta dal Tonocov grad all'Isonzo.
     Durante la prima guerra mondiale furono costruite nell'Alto Isonzo dall'esercito italiano tre linee difensive. Un tratto della terza linea difensiva correva lungo la sponda destra e la sponda sinistra dell'Isonzo. Seguendo questo percorso storico attraversiamo trincee, fortificazioni ed altre opere erette a difesa dell'attraversamento dell'Isonzo e delle vie che correvano lungo la sponda destra del fiume.

 

  6 - LA FORRA DELL'ISONZO

Cap07.JPG (15909 byte)

     La parte alta del corso dell'Isonzo finisce al ponte di Napoleone nei pressi di Caporetto. Nel tratto compreso tra Tmovo e Caporetto esso scorre in una profonda gola, piena di gorghi, rapide ed enormi massi rocciosi disseminati nel suo letto. Prima del ponte il fiume sprofonda in una forra lunga circa 200 m, profonda fino a 15 m e larga appena due metri nel punto piu' angusto. Tipiche di questa forra sono le cavitÓ scavate nella roccia e nelle zone di affluenza alti accumuli di calcare denominati "Cepljena skala" (roccia spaccata). GiÓ nel 1882 lo storico Simon Rutar scriveva in questi termini dell'Isonzo: "Il letto dell'isonzo si restringe al massimo sotto il ponte di Caporetto, dove la corrente precipita nel profondo tra due scogli rocciosi per schizzare poi fuori come una freccia dalla stretta faretra."
    
Una passerella di recente costruzione, lunga 52 m, congiunge le sponde destra e sinistra dell'Isonzo, esattamente lÓ dove si trovava giÓ al tempo della prima guerra mondiale. Essa Ŕ stata ricostruita nel 1998 per opera del Museo e dell'Ente per il turismo Kobarid.

 

 7 - CASCATE DEL TORRENTE KOZJAK

Cap08.JPG (23081 byte)

     Solo pochi minuti di cammino separano la passerella dal ponte in pietra sul torrente Kozjak, che fu costruito nel 1895: sotto il ponte precipita in un profondo tonfano la sua prima cascata.
     Il torrente Kozjak, affluente di sinistra dell'Isonzo, ha le sue sorgenti molto in alto, sui fianchi montuosi della Krn╦ica (2142 m), attraversa molte forre e precipita in sei cascate, di cui solo le ultime due sono accessibili ai turisti. Allo sbocco della forra inferiore si Ŕ formata la pi¨ pittoresca cascata della Slovenia "Veliki Kozjak" (il grande Kozjak). A 250 m pi¨ sotto la corrente precipita ancora una volta. Il paesaggio tipico del Veliki Kozjak ha la capacitÓ di creare uno stato d'animo particolare. La cascata ha scavato una specie di sala sotterranea, il cui fondo viene colmato da un tonfano d'acqua verde-azzurra mentre le sue pareti sono coperte di stalattiti come le grotte carsiche. Nella semioscuritÓ di questa sala spicca una bianca colonna d'acqua alta 15 m.

8 - LA LINEA DIFENSIVA ITALIANA

Cap09.JPG (38380 byte)

     Sulla via del ritorno dalle cascate del Kozjak imbocchiamo un sentiero che devia verso l'alto a sinistra e ci porta alle opere di fortificazione della prima guerra mondiale. In posizione dominante scorgiamo una postazione di mitragliatrice e un osservatorio militare. Poco distante si apre addossata al pendio della montagna una caverna attrezzata, uno dei numerosi ricoveri disposti secondo il sistema difensivo circolare. Essi sono nella gran parte crollati, ma tre sono stati ripristinati. Dall'alto dell'osservatorio si gode di uno stupendo panorama che abbraccia gran parte dell'itinerario storico estendendosi in basso fino ai glauchi gorghi dell'Isonzo.

 

 9 - IL PONTE DI NAPOLEONE

Cap12.JPG (18924 byte)

     Nei pressi di Caporetto, lÓ dove il letto dell'Isonzo si restringe di pi¨, le sponde destra e sinistra sono congiunte sin dai vecchi tempi da un ponte. I Veneziani ne distrussero uno in legno gia' nel 1616.
    
Il vecchio ponte di Napoleone, ad un'arcata e in pietra, fu costruito nel 1750: vi passarono le schiere di Napoleone in marcia verso il Predil, perci˛ fu denominato dalla gente "ponte di Napoleone". Nel 1915, subito dopo l'entrata in guerra dell'Italia, i soldati austriaci in ritirata fecero saltare il ponte di Napoleone nella speranza di bloccare l'inseguimento delle truppe italiane. Successivamente il ponte fu ricostruito dagli Italiani, prima in legno, poi in ferro.
    
Durante la seconda guerra mondiale il ponte vide fatti di sangue durante la difesa, ad opera dei partigiani, del territorio libero della repubblica di Caporetto. Due iscrizioni commemorative vicino al ponte ricordano questi episodi dolorosi.
    
A guerra finita il ponte costituý per quindici mesi il valico di confine tra la zona A e la zona B.

Gita a  Caporetto, 17 Marzo '99

Capor05.JPG (20983 byte)

Capor07.JPG (9670 byte)Capor08.JPG (7925 byte)Capor09.JPG (14483 byte)

Capor11.JPG (49951 byte)
Particolare di una delle Stazioni della Via Crucis, poste sulla salita che
dalla piazza principale di Caporetto, porta sullo spiazzo antistante il Sacrario.

Capor10.JPG (17903 byte)

La mia "fuoriserie" sul piazzale antistante il Sacrario, dove riposano le spoglie di 7014
soldati italiani, caduti combattendo nelle circostanti zone durante la guerra del 1915-1918.

Gita a Caporetto del 07 Aprile
Capor06.JPG (20050 byte)