storiutis furlanis

 Marcello di Barbora - Il grillo  Guido Zanetti - Li bussdis
 Marcello di Barbora - Il baco da seta  Renato Galiussi - Cara Orsaria
 Walter Cibischino - Il me prn amr  Marcello di Barbora - Un rujc pln di ricurds
 Guido Zanetti - La Perpetua RICUARTS - Pieri Grassi
 Marcello di Barbora - Il go di une vlte CUANT C'O JERI FRUT - Sergio Jacuzzi
 Marcello di Barbora - Il Pettirosso I MIEI PRINS UNDIS AGNS - Semira Baldi
 Walter Cibischino - Le cinque lire nel 1955

TARCINT, UN RICUART - Miriam Comelli

 Guido Zanetti - La bicicletta di me sr Mariute

IL DISPIET - Margherita Vitale

 Walter Cibischino - Puars e sir

A TARVIS, DI FRUTE - Wally Canova

 Walter Cibischino - Le gjaline rosse

LA STRADELE - Spartaco Jacobuzio

 Walter Cibischino - Nadl dal 53

IL PLEVAN - Guido Zanetti

 Walter Cibischino - Mandi Morr

LAMR DI CAMOMILLA - Clelia Codarin

 Walter Cibischino - Me sr Licia

IL GN PAS - Otello Silvestri

 Walter Cibischino - Madonna di Castelmonte

L'ARC DI SAN MRC - Armando Miorini

PAR NO PIARDI LIS LIDRS
Compits dai arlfs dal Secont Cors di Marilenghe

Tratto da il Notiziario dei friulani residenti in Lombardia "Il Fogolr Furlan"


RICUARTS 

Pieri Grassi.

Ricuardsi dal timp passt al di sigr torn inte cjase dai vons, un torn par trois pierdts a sgarf pinsrs e memoriis taponadis dal timp. Provn a viodi ce che al salte fr.
Intant, un sn che no i mai dismentet e mai plui sintt al chel dal Campanon di Glemone: forsit l'unic pas in Fril dul ch'e jere une grande cjampane no di glesie, insomp de torate dal Cjiscjel, che cui siei glons mi menave a durm ogni sere aes ds intune cocjete di ds placis, cul strama di scartos di panole e cui bleons ch'a nulivin di lissie, fate cu la cinise di len di fair. Une cjampane ch'e sunave ancje par oris a dilunc cuant che cualchi brut burla al imprometeve dome une biele tamesade di tampieste.
A rivuart dai ricuarts di savrs, un che no i plui cjatt al chel dal sirop di frmbue, che al jere, e al ancje cum, la specialitt di Glemone: si lu beveve slungjt cu l'aghe frescje ch'e vignive j de mont Glemine e che, scuasit ogni d, mi mandavin a jemplndi cualchi fiasc sot il Domo.
E a rivuart dai ricuarts di fiestis, di sigr lis plui bielis a jerin ch de Sense, cuant che il pas, cun dutis lis ostariis dari, al lave s sul cuel di Sante Gns; e ancje ch dal Vinars Sant, cu la Via Crucis compagnade par dut il pas dal sn dai batacui e des crssignis. Invecit la fieste plui cjasaline e jere cuant che si copave il purcit; o, se no, cuant ch'e tocjave la volte di f la cuete dal formadi inte latarie dal borc.

CUANT C'O JERI FRUT 
Sergio Jacuzzi

Ce che plui di dut al di v lasst un segno su di me frut, cence fal al stt il colegjo: o soi jentrt a cuatri agns e vignt fr a undis!
Provait a pens a chei timps, dal '50: bes pcs, gno pari in France a vore e me mari cun doi fruts di tir s: e je stade une furtune pai miei gjenitrs ch di riv a cjat un puest par me tal colegjo.
Si pajave vonde pc, parceche chel al jere un "Sanatori", ven a sti un puest par chei che a vevin bisugne di cursi i polmons.
Jo i polmons ju vevi bogns ma, stant che gno pari al veve cjapade la silicosi lant a vore in France, o soi rivt a jentr.
O crt che ducj i fruts che a jerin in chel colegjo a sedin stts intes ms cundizions: tant a d che a jerin dentri parceche a vevin miserie, plui che malatie.
Par ordin che o scrf, mi inacuar che mi coventaressin un grum di pagjinis par riv a cont vot agns di vite; no i voe di f come lis "telenovelas" che a rivin a centenrs di puntadis, ma mi riservi di l indenant cu la storie ancje chest an cu ven, tal tiar Cors di Lenghe Furlane.
Pal moment, o scomenci a cont dul ch'al jere il colegjo.
O cognossars Madone di Mont, parsore Cividt, no mo?
A Cjarriis, la strade che rive di Cividt si divt in tr: ch a ampe ch'e va a Purgjessim, ch a man drete che si piart tai cjamps, e ch tal mie, di ribe su, ch'e mene a Madone di Mont.
L a ampe, tact de crosere, dar di une murae, al jere il colegjo. Cum l e je logade la ASL e, se no mi visi ml, ancje une cjase di rips.
Dentri o jerin tor une otantine di fruts, intrupts seont la ete: piui, mezans e grancj, e dividts fra mascjos e feminis.
O vignivin di dutis lis bandis dal Fril e il furlan che o fevelavin tra noaltris fruts al jere il plui "complet" che si pues, dal moment che o misturavin peraulis e pronuncis di ducj chei lcs.
Ognidun di n al imparave adore a lavsi, a viestisi, a fsi il jet, a scov par tiare.
A net il plui grues e a d une man a chei plui piui, a jerin feminis, che a prontavin ancje di mangj.
Lis muiniis a abadavin ae nestre istruzion: cinc di lr nus fasevin scuele, une mestre par ogni classe des elementrs (a scuele o jerin insieme fruts e frutis), chs altris nus tignivin a mens par dut il rest de zornade.
Naturalmentri nus devin une educazion di tipo religjs: preieris prime e dopo di culsisei ativitt, messis, gjespui, rosaris, novenis: dutis, lis becavin.
O jerin cuss ben imboconts di robis di glesie, che ducj o disevin che di grancj o saressin deventts predis o muiniis: jo, dopo, o i ancje tentt di deventlu lant in 'seminari, ma o i spesset a cap che nol jere il gno mistr.

I MIEI PRINS UNDIS AGNS 
Semira Baldi

Jo o soi nassude in Fril, par cs, o disares: o vares podt nassi compagn in Piemont, in Umbrie, in Emilie, e vie indenant. Gno pari e m mari a son lts dar di gno nono capostazion, mandt a Spilimberc: une biele ponte di citt sore la rive gjestre dal Tiliment. Al jo o i i ricuarts plui biei e plui dols.
La infanzie cu lis ss primis emozions e maraveis: une none vistude di Befane che mi puartave i regaluts de Pifanie... i prins agns di scuele, la Prime Comunion intal dom di Spilimberc... lis estts de vuere passadis la plui part su la rive dal Tiliment, dul che frute o mi bagnavi tra i siei claps inte s aghe sclete...la glesiute de Ancone su la stradele ch'e puarte al flum, dul che o fasevi une soste par poi cualchi flr sul puar altr...i unviers plens di nf, cuant che al neveave pardabon...il fogolr, il lavadr, il mulin, i morrs cu la fuee pai cavalrs. E i zucs inte grande stazion dul che o vivevi, il sivil dai trenos...l'amicizie e la simpatie di Primo Carnera, il "gigant bon": lui al cognosseve gno nono e al vignive di Sequals par cjap il treno.
Jo o ds che i agns plui biei de m infanzie a son fints cuant che o soi lade vie di Spilimberc: la citt e lis stagjons de m vite aromai lontanis, ma che jo o puarti simpri intal cr.

TARCINT, UN RICUART 
Miriam Comelli

O soi nassude a Tarcint, il pas plui biel dal mont, ancje se gno pari, ch'al jere di Nimis, al diseve: "Roma caput mundi, Nimis in secundi".
Se si gjave chel pc timp ch'o i vivt a Tarvis, l che gno pari al jere diretr didatic, o i passade la m infanzie a Tarcint; o mir, un pc a Tarcint e un pc a Sedilis, une borgade a dome tr chilometros dal pas, ma bielz in montagne, l che m none Anzule e veve un alberc, il "Ristoro Alpino". L'alberc al fo brust dai todescs dal 1944. Tornt a f s cun fadie, al fo sdrumt un'altre volte dal taramot dal 1976. Tornt ancjem a f su cun ostinazion, nol somee plui par nuie chel di une volte, parvie che a son stadis stramudadis parfin lis fondis, par resons di sigurece. Ma di chei timps lontans, cun m grande contentece, no dut al lt piardt: al ancjem l il grant gurlr, ven a sti il cjastenr mat, che une volte al faseve ombrene dapt dal curtl, dar dal alberc, e che cum scuasi al tocje la gnove costruzion.
Cum, come une volte, il gurlr al slargje i siei ramas, dul che o zuiavin di platsi cun chei altris fruts de m ete. Se m none Anzule mi viodeve lass, si meteve a vos e mi ordenave di dismont j, che se no mi vares tirade j "il Planet". Chest Planet, che jo in ch volte mal figuravi come un omenut sul gjenar di un "ET", si disares vu, al jere, secont me, la figurazion popolr antropomorfiche de fuarce di gravitt.
Ma di m none Anzule o i tancj altris ricuarts. Le torni a viodi, par esempli, dute cjapade dal rt dal tabac di ns: une prese fr de tabachere (s o des ss amiis), aspirazion, starnudade, fuarte soflade di ns. E o mi ricuardi ancje di une s cjantadute, forsit par fmi indurmid:
"Scjampit, scjampit, fantatis, ch'al ven il scodoros,
cu lis cjalutis blancjis e il tabarin a ros.
Al fs di l inte tese, ma al va dapt dal bosc..."
La peraule "Scodoros" mi faseve une vore di impression, parceche mi ricuardave i orcui des flabis; ma cum o pensi che chest Scodoros al vares podt jessi un dai Don Rodrigos che a corevin dar aes fantatis di pas, che un timp in Fril, dul che a jerin tancj cjiscjei, salacr no jerin rrs.
O vores fevel ancjem a lunc dai miei ricuarts lets a Tarcint che, come che o disevi in principi, al par me il plui biel pas dal mont. Ma o mi contenti di invidus ducj a visitlu, e o soi sigure che mi dars reson. O podars passi il voli su lis cuelinis dulintr o su lis rivis de Tor e lis bielis vilis cui zardins plens di rosis. E se o vignars la sere de Pifanie, un grant "pignarl" su la cueline plui alte, dongje des ruvinis dal Cjiscjelat, us fasar torn a vivi lis antighis usancis celtichis.
Par chel che mi rivuarde, cuant che o rivi di Udin e, passat il cuel dal Cuiestris, o mi cjati denant la cente des cuelinis e des montagnis che a zirin dulintor dal gno biel pas, ogni volte mi ven come un grop tal cuel...

IL DISPIET 
Margherita Vitale

Cuant che gno pari al faseve la cuarte elementr a Milan, il so mestri al jere il caporion dai zovins balilas. Par cheste reson il mestri al pratindeve che i siei scuelrs a metessin s la cjamese nere e il fez cul penac.
Gno nono al jere un omp tant sevr e rispiets, ma al timp stes ancje un omp libar, che nol sopuartave imposizions: cuss al decid di compagn il frut a scuele par fevel cul mestri. E chel i fas sav clr e net che se il frut nol meteve s la divise di balila al coreve pericul di no pass. Dut imbestet, il nono i rispuind che il so frut nol veve nissune bisugne di rest in ch scuele.
E difat, dasp di cualchi d, e rive une letare di gno nono a so fradi, che al jere predi intun paisut de Sicilie noment Pezzolo, dongje di Messine. Il predi al rispuint di men j il frut daurman, che lui lu vares fat studi inte s scuele.
Gno pari - ven a sti il frut - al partt di Milan in treno cun cierts cusins dal nono e al lt j fin in Sicilie: chei ds a son stts par lui une vacance che nol plui dismentet.
Finide la scuele, e cuntune biele pagjele in man, il frut al cjape il treno par Milan. Rivt in Stazion Centrl, dut senes al pinsr di torn a viodi la mame e la famee, si spuargeve fr dal finestrin par cir di ricognossi cui che al jere vignt a spietlu.
Il nono al veve ment cun se il fi plui grant, e cuanche al viod gno pari a dismont dal treno, dut il gust de spiete al discompar de s muse. Fasintsi dongje al frut, i mol un scufiot sul cjf...e il fez al svol vie su lis sinis. 
Il fradi predi i veve fat un grant dispiet: il frut al jere vistt di balila da cjf a ps.

A TARVIS, DI FRUTE 
Wally Canova

Ch altre d, inte biblioteche dal Fogolr o i cjatt un libri su Tarvis, la maniere che al scrit e je une vore biele. Jo o voi a gnocis, parceche a Tarvis o i passt une biele fete de m ett di frute e di zovenute: dai ds ai disesiet agns. A reson di chest, i ricuarts a saltin fr come l'aghe.
La nature maraveose cui boscs e lis monts, lis tr lenghis. Jo e m sr Mariuccia o lavin a scuele de professoresse Schnberg. E jere insomp cui agns, sui otante, triste e dure, che nus meteve tante sudizion. Finide la lezion si lave a cjase cu lis orelis rossis come il fc par vie de pre.
I miei gjenitrs a vevin une buteghe di vistts: in chei timps al jere scoment un grues cumier cui todescs e i sclfs, e si scugnive d une man, dal moment che si fevelave il todesc: bisugne tign amens che une volte e jere Carintie fintremai a Pontbe, e soredut in timp di fiestis di Nadl a Tarvis si mantignivin lis usancis. 
Par San Nicol un grum di frutats si viestivin di Krompus, ven a sti di diaul: a vevin adues cjadenis, forcjis e curs e bisugnave cori di buride par no fsi cjap. La gnot di Nadl al spirave un aiar particolr: jo e ms srs Flora e Mariuccia si cjantave tal coro de glesie e al jere di rigr Stille Nacht.
D'unvir si lave a si e dasp, stracs muarts, a bal ai "Tre abeti", che al jere di mode il rock'n'roll. M mari nus faseve simpri la predicje, dal moment ch'a jerin atr un grum di militrs e nus racomandave di st cui vi viarts. Ms srs mi tiravin simpri dar e in chest mt nol jere pericul.
Cum mi fermi cul, e chest an cu ven, tal Tiar Cors, o butarai j ancjim cualchi rie di compit.

LA STRADELE 
Spartaco Jacobuzio

Une stradele blancje. Blancje di glerie e di gleren.
Une cjaradorie par bande. Tal mie, sul colm de glerie ingrumade, spelocs di jarbe. Di ca, tal prin cuatri cjasis e po i vigni; di l, il bosc. Un volt dar chel altri, la stradele e jentre ta l'ombrene des agacis e, cuant che il bosc si tire indar, e jes tal plen dal soreli. 
Vongolant dapt de mont, la stradele e cjarece lis grumbulis de cueline cuviarte di vert. Passt un puintut, subit dasp si bagne tes pocis di aghe siarade, o si rinfrescje tai riuluts che le traviarsin. E je une biele stradele, svelte e gaiarine come un frut. Po sti che ps di lr le cognossin. J, di sigr, si vise di ducj chei che a passin.
Traviarsade une splanade dongje il flum, la stradele blancje e plee a gjestre, e jentre di bot intal scr dal bosc. La glerie e il gleren a lassin il puest al ciment, une lungje, penze lastre gropolose, ch'e va diluncs, drete intal vert. Cum la stradele no cjarece plui la mont: tanche un sfrs, la plote dure si implante tal flanc tenar de cueline.
Plui in s, il ciment al torne a devent stradele. Une stradele plene di pieris e di agrs, di ramas e di fueis secjis, coladis dai cjastenrs, dai ri, dai fairs. La stradele, dasp l'afront dal ciment, e torne a ripisi e si rimpine cuntun pas plui lizr, un pas plen di spiete. Il bosc si fs plui fis, l'aiar plui fin. L'incjant, simpri crei, al va diluncs: stradele, mont, bosc, vert, cl, bonodr. E il cidn. Il cidin compagnt dal busin lontan dal flum, lasst laj inte valade, e dal sunsr de aghe ch'e rt dai roiuts cass. 
Un ultin volt a man anche e la stradele si ferme. Cence un segnl, cence un parc e scuen fermsi. Le ferme, cun malegrazie, une murace scure, grandone, fr di misure par oncj une stradele cuss piule.
La stradele e sares senese di l indenant, libare: libare di l cuiss indul. Ma cum e scugne fermsi.

 

Il Plevan (In Furlan da Fana)
(Guido Zanetti)

Timp f il plevan in glesia durant la predicja a la contt chista storiella, chista storiella a jera suciduda a un si amigu prdi, chi durant la predicja a la dit chistis peraulis, "Dutta la gent di chista parrocchia, qualchi volta a i tocjar mur". Appena cha la fint da disi chista frase, qualchid'un in font la glesia al al si met a paccass; (a ridi ha,ha,ha.) Allora il plevan pensant chi chel in font a nal veva capt ben, a l tornt a ripeti, "Dutta la gent di chista parocchia, qualchi volta a i tocjar mur", e chel in font la glesia, di nouf al torna a ridi pi di prima, ha, ha, ha, ha, ha... Allora il plevan a i domanda, si possi sav parc atu tant da ridi?  ...e lui a i rispont: I na soi di chista parocchia...!

(Traduzione in Italiano)
Tempo fa il parroco in chiesa ha raccontato questa storiella, che era successa a un suo amico prete. Durante la predica il parroco ha detto queste parole, "Tutta la gente di questa, parrocchia qualche volta le toccher morire", appena ha finito da dire questa frase, qualcuno in fondo la chiesa, si mette a fare una grande risata, ha,ha,ha. Allora il parroco, pensando che quello in fondo non ha capito bene, ha ritornato a ripetere, "Tutta la gente di questa parrocchia, qualche volta le toccher morire", e quello in fondo la chiesa, di nuovo, torna a ridere pi di prima, ha, ha, ha, ha, ha.. Allora il parroco gli chiede, si pu sapere perch hai tanto da ridere?  e lui le risponde: Io non sono di questa parrocchia...!

LAMR DI CAMILLA 

Mandi Aldo, ti scrif par contati ce che mi ha sucedut cualchi zornade fa. Le me femine, Clelia Codarin, tu le cognossis, e j stade a scuele seral di lenghe furlane. A le fin dal cors i frutaz che frecuentavin chiste scuele e an dovut scrivi  alc, ognun par so cont, sul  amor. Sgarfant tai cuadernos da scuele ,eco  chi ce che ai cjatat scrit da me parone:

         Vuatris a pensars, stant al argoment, che Camilla a sedi une biele fantate. Inveci n!
         Camilla a je une montagne di pl neri, doi vogluts  dols e un blicut di lenghe rosse  che a mostre cuant che a je contente. Ma ancje Camilla a je inamorade, inamorade dal so paron. Di lui no si distache mai. Lui al va tal ort, j dar; lui al va a viodi da gjalinis, j devente mate di gjelosie; al va in pas, j si sinte dongje el porton  e l lu spiete.  Cuanche al torne i fs mil fiestis,  aj cor ator come une gjostre, aj salte s robis di ribaltlu, lu sbave chal scugne cori a cambisi. Ma el so amr al e ben pait. Lui ogni d al vit di j: mangj e bevi no mancjin mai, le nete, le petene (che  nol lavr di pc), le cjarece e ancje i cride, sal ocr. Insome, si vuelin ben
         Ha! Cuasi mi dismenteavi: Camilla a je le nestre cjice.

Cjasteons di Strade, 26 di mar dal 2000 - Clelia Codarin 

Il gno pas 
(Otello Silvestri)

      Il gno pas sel ancjm gno, s'o cogns un abitant su ds, se lu vit gambit da cjf a pt, se cjaminnt pe vila mi ven di cjacar di bessl, parceche no m'mbt in anima viva ?
     Invesi, quan' c'o voi in Soravila e 'o jntri tal st de ps, mi vgnin incuintri sdrumis di ams; zovns e viris, vists di fiesta, cu li' musis che pandin di jessi cui mest cui lgri, ma ognidun cul spirt di vf tei vi. J, la i ancjm a mens la lr filusumia; j cogns ad un ad un, no'l fala un il gno vli. Veju l che son dulinva, ve' che son duc. Si che duncja al c il gno pas, il pas dai mi ins verts, la m int, come j 'o soi stt di lr cuss come doventari anc' j par l'un su ds c'o cogns.
     Mi cjrs ams d'un d, animis nstris, int de m int, j mi sint in ps co s ven dennt, e no fs un pass che mi ds: velu Jacun Bisot poeta di gran estro e Coleto architet de mascherada, velu Suero rusignl de Streta, velu Camilo che'l bala cun Vigj, velu Zacaria clamat Zact pe so energja, velu c Vigj Bragnis che'l tiesseva zis par dut il pas, come Tita Signr, velu Cil Colaz tal curtf tant che No ta l'arcja, velu Maraldo che'l viodeva cu lis orlis. Velu c s barba Lino che cun Orassio nus faseva sclop di ridi, cuanche la ura nus veva gjavt la voa e a qualchidun cjolta la vita, come a Antenore e Cide.  Veju c: 'e son nstris !
     Beat il pas che'l sa ridi quan' che'l mont si savolta, o al resona cui ps. Nu 'o sin c parceche vutris 'e ris z chnti. 'E ris a f il mistr di vivi, a fruj mans e ps, a sgarf te tiara par gjav fr il tesur: formnt e blava, fasi e salata, e patatis come ur, par tir indennt, lavor simpri.
     Ridi e va e fa l'amr. 'E vs misturt sanc cun sanc, lis blestemis cu li' prejris, bivt il vin fruzzt cui vustris ps, mangjt il pan nudrt te tiara benedida dal vustri sudr, 'e vs supt la ml des vustris feminis.
     Oh feminis, feminis dal gno pas, che parturvis a l che vevis fat l'amor, di l 'e nizzulvis i vustris fs, a l j vuarvis cuanche rin mals, a l 'e spietavis di bant i vustris parns che tornavin bivs, a l j veglavis ta 'ultima gnot.
     Oh feminis pazintis, buinis e calmis, che spietvis di f di mri ai vustris omps co' doventavin viris, 'o soi c a ricuardus, a cjacar a mt cu la vustra biela sgrimia di vivis. Vela c Rosuta pancra che no bandont la cjasa dennt des flamis e i mucs 'j an trat dar di vergogna e di pra; vela c Vitoria muarta di tifo nri par salv so f; vela c la Romanina che ult la banda invesi dal miserere pal so cumit; vela c m mari che a fruit i mbui, glazzt i zeni su li' gravis dal Nadisn par resent la lissa. Come dutis.
     Feminis dal gno pas d'un timp passt, mris nstris e nnis, j s saludi insiema cui vustris omps.  Mandi. 'O voi e 'o torni ...

L'Arc di San Marc 
(Armando Miorini)

        La machine par viod di lontan, la MVL, che par talian si ds TV, nus a mostrt ce che al capitt ae Missione Arcobaleno.
        Al sar forsit il cs di cont ce che a disevin i nestris vons che a vevin une grande cognossince des cjossis misteriosis che a sucedin in cl; a savevin ben che dopo la ploe, dispes si viodeve l'Arc di San Marc in dute la s bielece cun ducj chei biei colors sflandors.
        Se dopo la ploe a viodevin un arbul sec o l'erbe malade a capivin subit che in chel lc al veve di sei poit l'Arc di San Marc.
        I romans, invecit, a crodevin che l' Arc di San Marc al fos come une pompe che a supave l'aghe dae cjere par puartale in cl e tornale a but j cuant che al veve di plovi.
        A l' di ve plt unevore in Albanie e tai lcs dul che al stt il teremot e la pompe e di sei stade in vore a lunc par tir su dute che aghe; ma come che a sucet, intant che si pompave, cualchi caratl al di jessisi spandut vie pai prs
        Cui vares mai crodt che dar la bielece dal Arc di San Marc si plats la cjativerie di fa mancj l'aghe ae puare int.

       

Li bussdis 
Storia vera in furlan da Fana

        Tai prins agn dal 50 in ta la me vita i ai fat encja l'operator di cine, in ta la sala parochil dall'oratori di Fana.  Il cine a si lu faseva, Vinrs di sera, Sabida di sera e Domenia una volta al dopo misd e una alla sera.  In chel timp i vevin i Frris Antonians da Padova. In che volta i cines a erin classifics in tr categors per "TUTTI", a na l'era nuia di ml, "ADULTI", cun cualchi bussda, o una balda di tango massa visins, e chei "ESCLUSI", a finivin di solit cu un divrsi, cuss a jrin pruibs da iodi.  
        Films par TUTTI a nandera tancju, allora a tocjiava adat il film par ADULTI, tirant via certis senis e flu par TUTTI, e allora a si faseva l'operazion.  Al Giueiba di sera a si faseva la prova, il Frri "Padre Alfonso" in sala cu un sivilt da arbitro dal baln, e i in gabina di proiezin. Prin di dut i preparavi tajt siet-vot cjartis di jornl, un pressapc cuindis centimetros lunjis e cuattri centimetros larjis, cuant c l'era dut prnt il Frri cun il si sivilt, al deva una sivilada e i i cumicjavi il cine.
         In che volta i atrs, lui e i, a un cert punt a si bussvin, si la bussda a era in ta la massla, dut a jeva bn, ma si la bussda a jera sulls bocja, all'ora il Frri cun il si sivilt al deva una sivilada e i i cjapavi una cjarta di ches chi vevi prepart, e la mettevi  in fr mic dalla pilicula in ta la bubina st, la cjarta a era par sav cuant chi tornavi a tir in devur la pilicula, in dul cha era la bussda, cuant chi il cine all'era fint da prov, tantis voltis i vevi, cinc, seis cjartis in ta la bubina,  chistis a erin dutis bussdis o cualchi tango. Li bussdis o ca vignevin tiradis via dal dt, o a si lasava la bussda scurtada.  Comi chi savit la pilicula a va a una certa velocitt a cr a  24 cudris "fotos" al secont, su una bussda lunjia di coranta, cinquanta secons a l'era cualchi metro di pilicula da giav, a vigneva taiada e tirt via il tc e a si lassva cinc,seis quadris sul cumincj e cinc, seis quadris sul fin dalla bussda, cuss la bussda a si la jodeva soul mic secont, cualchi volta subit dopo a si jodeva li ondis dal mr e finidis chs a si sintiva un baby apena nast cal vava.  
        Alla domenia di sera a la ultima proiezion a tocjava torn a metti li cjartis par segn in dul ca rin li bussdis e i tangos e torn a tac cun acetone il tc dalla pilicula tajada, comi cha era rivada.  Ma tantis voltis i mi dismintiavi e il tc dalla pilicula chi vevi tajt al restava in tal scansel,  i na eri soul j chi mi dismintiavi. Qualchi volta, il cine al rivava cun l'operazion j fatta, a si it all'era passt in altris salis da cine parochil. Chista a una storia simil dal film cun il titul, "CINEMA  PARADISO". Me fia a mi ha regalt  chista videocassetta quatri cinc agn f, par il gno compleano.  Mintri chi iodevi chistu film, a mi pareva da iodimi in gabina di proiezin. 
            Mandi, Guido dal Canad

Le Stelle Alpine 
(Di Marcello di Barbora)

        Le Stelle Alpine, non sono proprio un bel fiore, ma il loro valore simbolico e sentimentale enorme in tante nazioni europee. Cresce in posti impervi in modo di proteggersi dagli animali erbivori e dalluomo, che tante volte perde la vita tentando di raccoglierle. Se raccolte al completamento della crescita, possono durare per tanti anni senza perdere la forma, il colore e la lucentezza del caratteristico strato vellutato che copre i loro petali.
   
      Le persone che riescono a raccogliere le Stelle Alpine, ne sono molto fiere e le tengono sempre in mostra perch danno prova di coraggio e di resistenza fisica e con orgoglio le portano all'occhiello della giacca o sul loro cappello.
   
     Ricordo di aver raccolto, alcune Stelle Alpine durante in campo estivo della mia compagnia sulle Dolomiti, di averle poi attaccate al mio cappello di alpino, sul quale ci sono rimaste per il resto della naia.
   
     Qui in Canada, per molti anni quel cappello con le Stelle Alpine, ha fatto bella figura appeso su una parete della sala da pranzo.



Il Grillo
 

(Di Marcello Di Barbora)

       Destate, quando ero bambino, spesso mi recavo nei prati che circondavano il mio paese, con lintenzione di catturare i grilli. La tecnica migliore era quella di avvicinarsi alla loro tana cercando di individuare la provenienza dei loro trilli, ma il compito non era facile perch i grilli sono dotati di due lunghe antenne molto sensibili e quando ricevono vibrazioni fuori del normale, smettono subito di trillare.
        Un buon sistema per trovare la tana del grillo, quello di camminare pian piano contro vento, in direzione della provenienza del suo trillo. Dopo aver individuato lentrata della sua tana, per fare uscire il grillo si utilizza uno stelo d'erba di dieci o pi centimetri di lunghezza, che viene infilato con cautela nel buco e quindi si resta in attesa Non passa molto tempo prima che il grillo incominci a spingere lo stelo fuori dalla sua tana. Di solito, per essere sicuro che non torni nel buco, il grillo spinge lo stelo abbastanza lontano Allora il momento buono per coprire il buco con una mano e catturare il grillo con l'altra. La cattura del grillo richiede molta attenzione per non recare danni al suo fragile corpo o alle sue ali, o il grillo non trilla pi... Dopo la cattura il grillo viene messo in una gabbietta costruita apposta per lui.
        In quei tempi, le gabbie per i grilli e per gli uccelli, venivano costruite da noi stessi, prima di tutto perch eravamo troppo poveri per poter comprarle, ma soprattutto perch eravamo orgogliosi di mostrare la nostra abilit, nel costruirle con le nostre mani. Le gabbie per i grilli avevano la forma di un cubo di circa dieci centimetri.
        A casa mia, la gabbia con il grillo veniva messa sul davanzale di una finestra aperta, in modo di poter gioire nel sentire da vicino quel trillo, durante lintera estate.

CARA ORSARIA ... domenica 17 novembre 1996 
(Renato Galliussi)

Negli afosi pomeriggi estivi della citt dove abito in ARGENTINA (Paran - Entre Rios), quando verso le quattro o cinque pomeridiane il termometro segnava quaranta o anche pi gradi di caldo e lumidit arrivava alle volte anche a 90 per cento, il mio pensiero volava inevitabilmente al mio paese e idealmente mi pareva di scendere gi dalla "riva dei muss o da che di Rusa" e di tuffarmi contento e beato nelle limpide e fresche acque del Natisone, come lo facevo da bambino e come daltronde lo facevano tutti i ragazzi del paese. Tempi beati ! Cera poco pane ma in compenso cera molta amicizia fra la gente e una grande gioia di vivere e di stare insieme. Quando al momento del mio ritorno, mi sono trovato sul ponte di Orsaria e ho improvvisamente visto la nostra Chiesa e il mio Natisone, non mi vergogno a dirlo, mi sono messo a piangere come un bambino. Grazie a Dio il mio sogno si era compiuto. Partito ancora giovinetto, avevo i pantaloni corti, con mio padre in cerca di un avvenire migliore e un pane che la nostra terra purtroppo non ci poteva garantire (erano i tempi duri del dopoguerra e molti friulani emigrarono a quellepoca verso nuovi lidi), non mi sono mai potuto adattare del tutto a quel nuovo mondo, quellAmerica sognata della quale avevo tanto sentito parlare da bambino, come fosse stato lEden o la terra promessa. I primi anni sono stati invece molto duri e come tutti gli emigranti anche la mia famiglia ha dovuto sopportare un periodo di adattamento al nuovo ambiente e alla nuova realt di vita. Bisognava imparare una lingua del tutto nuova e adattarsi a sistemi e a forme molto diversi dei nostri, per poter sopravvivere e progredire.

LArgentina un paese generoso ed ha accolto nel suo seno genti di tutte le etnie del pianeta, e senza dubbio il sangue italiano quello che pi si profuso in questa grande nazione sudamericana. Ma questo non vuol dire che laggi si pensi e si viva tutto allitaliana. Vi si conservano molte delle virt e dei difetti degli italiani, ma ci sono anche le loro precise norme e caratteristiche, delle quali sono molto gelosi, che formano la loro fisionomia nazionale e che devono essere, come giusto, rispettate da tutti.

Adesso ricordo i miei genitori, con i quali lavoravo nella sartoria aperta in Paran, tanti e tanti anni fa (Sartoria La Friulana). Specialmente nei giorni piovosi, quando eravamo soli e non venivano clienti, non facevano che parlare di Orsaria e dei fatti accaduti nel paese durante gli anni della loro giovent. Cosicch ascoltandoli, passavano davanti agli occhi le scene di tutta una vita vissuta, e che rimanevano scolpite nella mia mente. Questo spiega la mia memoria su fatti e persone cos lontani.. Cose belle e simpatiche, ma anche molto brutte, come quando da bambini, i miei genitori furono costretti a fuggire su carri a causa della ritirata di Caporetto e mio padre aveva preso pure il tifo. Piccole e grandi storie di gente semplice, storie che raccontano la vita di povera gente. Pi di una volta ho visto luccicare gli occhi di entrambi, quando ricordavano queste cose. Mia madre, china sul suo lavoro, ingusida, dopo un po taceva e pap Camillo guardava fuori dalla finestra, con lo sguardo lontano, come immerso nel passato. Sono sicuro che in quei momenti i loro pensieri spaziavano molto lontano, al di l del mare, in quella dolce terra friulana, che avevano dovuto abbandonare un giorno, ma che portavano sempre nel cuore.

La mamma ha potuto rivedere ancora una volta il nostro paese, mentre per il pap purtroppo questo sogno non si avverato e oggi riposa in quella lontana terra, come migliaia di nostri emigranti sparsi in tutte le contrade del mondo e che hanno onorato lItalia con il loro lavoro e la loro condotta, autentici e fedeli soldati di un esercito di pace, anche se alla loro memoria non mai stata concessa nessuna medaglia al valore.

Mi hanno chiesto come ho trovato il paese di Orsaria dopo tanti anni di assenza. Certamente sapevo che non sarebbe stato lo stesso di prima, in quanto il progresso e il tempo modificano la realt delle cose. Solo il Natisone non mi aspettavo di trovarlo cos cambiato: spariti i "crets" ( chel del glesia, chel del tor, chel di uelet ecc.) e anche il fiume mi sembrato pi stretto. Non ci sono pi certe specie di pesci come i "marcs, lis forapieris e la vria nera", che facevano la gioia di noi bambini, quando riuscivano a prenderli con il cesto di vimini o con il "uatz", e con i quali fare poi delle saporite frittate. Al loro posto ci sono altri pesci a me sconosciuti che non sono buoni da mangiare. Insomma questo non me laspettavo: proprio vero che il tempo leviga le pietre e cambia anche laspetto del fiumi. La gente del paese invece rimasta sempre quella. Anche se le strade sono deserte, appena apri una porta trovi subito quellospitalit friulana che da sempre distingue il nostro popolo: ti danno anche il cuore. Che strano questo popolo friulano: provato attraverso i secoli da tante guerre, invasioni, carestie, calamit naturali ecc. ha saputo sempre uscire indenne e migliore da tante prove. Percorrendo le strade del mondo tu trovi un friulano e subito ti tende la mano con franchezza, offrendoti la sua amicizia senza condizioni. Caro Friuli, quanto ti voglio bene !

Certamente una volta il paese era pi animato e cera sempre gente che circolava a piedi o in bicicletta. Due volte al giorno andavano a portare il latte appena munto nella latteria sociale, fermandosi poi a bere un bssul o un tajt nellosteria. Verso le undici si avviavano a prendere il siero alla latteria per i purcss. Le donne si recavano ad attingere lacqua alle fontane pubbliche, con il bunz e i cialdrs di rame. Poi la sera si fermavano a lavare il radicchio e questo era un motivo in pi per ritrovarsi e magari pettegolare un po, mentre il lidrc passava da una mano allaltra nei cialdrs, fino a che lacqua non restava pulita. E che buona quellacqua della fontana di Zurit, quando si ritornava accaldati e assetati dai campi sulla strada di Buttrio. Che bello mettere la mano sotto il rubinetto e bere nel suo cavo (in te zumiela) e rinfrescarsi la faccia e magari anche la testa sotto el ppul de fontana. E dopo fermarsi a fare le immancabili quattro chiacchiere seduti sulle pietre, protetti dallombra generosa del vecchio gelso: era come un premio alle fatiche dei campi !

Nelle sere estive la gente si riuniva fuori delle case a prendere il fresco e a commentare landamento del raccolto o della stalla, dove risiedevano tutte le speranze economiche del contadino. Si parlava dellannata e , non si sa perch, dicevano che andava sempre male, del varil, del prezzo della galeta, che quei furfanti della citt pagavano sempre meno. Insomma la vita sociale si svolgeva tutta fra osteria, latteria e anche presso le fontane pubbliche, centro dincontro e di comunicazione della gente. Poi cera pure la trebbia, il mulino, le botteghe di generi alimentari, luoghi dove i compaesani potevano ritrovarsi a far sentire le proprie opinioni. Per il cuore del paese, quello che convogliava tutti gli abitanti e li faceva sentire appartenenti ad una sola ed autentica comunit, era la Chiesa. Alla domenica, oltre alle due messe si celebrava il Vespero. Ricordo che a noi bambini veniva consegnato un cartoncino chiaro con sopra i testi dei Salmi, che dovevamo cantare in alternanza con gli altri fedeli. Siccome erano scritti in latino e nessuno lo conosceva, lascio immaginare i strambols che venivano fuori. Cerano anche le funzioni serali col Rosario, nei mesi di ottobre e di maggio, quando gli orti e giardini del paese si spogliavano di fiori per abbellire gli altari in onore di Maria. E dopo la funzione era loccasione per i giovani di incontrarsi e magari a braccetto cantare nella sera le villotte e cos fiorivano le prime simpatie e i primi amori.

Adesso che il progresso ha cancellato tutto questo, non saprei dire se un bene o un male, ma ad ogni modo si vive certamente molto meglio di prima e tutti stanno bene, anche se rimasto un po il simpatico difetto del contadino friulano di lamentarsi sempre e dire che le cose non vanno mai per il verso giusto. Per io penso che se voi volgete lo sguardo su altre regioni del mondo e fate i dovuti paragoni certamente dovete rendere grazie a Dio del benessere ottenuto, frutto del vostro lavoro.

Termino queste righe ringraziando tutti per laccoglienza che mi avete fatto e nel contempo mi scuso con coloro che mi avevano invitato e da cui non sono potuto andare. Ringrazio di cuore tanti cari e generosi amici e vorrei qui nominarli tutti, ma correrei il rischio di dimenticare qualcuno. Inoltre sono molto riconoscente a quel gruppo di generosi amici che hanno voluto salutarmi, facendomi quel stupendo dono. Mi ricorder sempre di loro quando nella Societ friulana di Paran suoner questa magnifica fisarmonica in compagnia con i nostri emigranti: prometto che faremo una bella cantata e una bevuta in loro onore. Ad ogni modo il mio sentito ringraziamento vada anche alla Societ Operaia di Orsaria, che mi ha dato la possibilit di conoscere Mantova, alla Societ Filologica friulana, che mi ha fatto conoscere le belle valli tarcentine ed infine al Gruppo Alpini di Orsaria, che mi ha permesso di sfilare a Monteviale (ah, gli alpini ! penso che in ogni italiano onesto ci sia un cuore dalpino e sono sicuro che in ogni vero alpino c da sempre un grande cuore ditaliano).

Di nuovo grazie a tutti, vi stringo in un abbraccio e vi porter per sempre nel mio cuore. Mandi e adis
RENATO GALLIUSSI

Il baco da seta 
(Marcello Di Barbora)

L'altro giorno guardando fuori dalle finestra, lo sguardo si fermato su un gelso. Una infinit di volte avevo guardato quell'albero senza dargli molta importanza, ma chi sa perch, quel giorno mi ha dato l'ispirazione per scrivere questi ricordi.

        Quandero bambino, lallevamento dei bachi da seta, permetteva alle famiglie di fare delle spese a credito, sicuri di poter pagare la merce quando si vendevano i bozzoli. Normalmente, verso la fine di Aprile, la Cooperativa avvertiva che i bachi da seta erano pronti per essere prelevati. Nel frattempo le famiglie avevano gi preparati i letti, costituiti da tre o quattro tavole appoggiate una vicino l'altra sopra dei cavalletti e coperte con carta bucata.
   
     Appena i bachi venivano portati a casa, cominciava il pesante lavoro Prima di tutto bisognava recarsi in campagna e tagliare rami dai gelsi per raccogliere le foglie, che costituisce lunico alimento per i bachi da seta. Appena nati i piccoli bruchi sono lunghi un paio di millimetri con meno di un millimetro di circonferenza. Quando sono svegli mangiano in continuazione, producendo un brusio che aumenta man mano che crescono. Il lavoro per curarli e cambiarli aumenta velocemente con la loro crescita, tanto che, dopo una settimana, una persona non ce la faceva ed allora era necessario fare i turni. A quei tempi le famiglie erano composte da numerose persone, ma mi ricordo che in certi anni si doveva ingaggiare qualcuno di fuori per dare una mano.
   
    
Alcune persone erano impegnate nel taglio dei rami di gelso che venivano portati a casa in fasci. Successivamente, le foglie venivano staccate e tagliate a fette di pochi millimetri, che aumentavano man mano che i bachi da seta crescevano, finch ad un certo punto erano in grado di alimentarsi con le foglie intere. Altre persone erano impegnate ad alimentare senza interruzione i bachi e provvedere a cambiare la carta su cui giacevano.
   
     Allinizio delle operazioni i bachi erano tanto piccoli che, per spingerli dalla carta sporca a quella pulita, si impiegava una penna doca. Da una carta sporca, i bachi venivano distribuiti su due carte pulite affinch abbiano pi spazio per crescere. Questo lavoro doveva essere effettuato ogni giorno, fino a quando i bachi erano abbastanza grandi da poter essere presi con le mani per appoggiarli direttamente sulle foglie.
   
     Specialmente nellultima fase, i fogli di carta bisognava cambiarli spesso, per evitare che i bozzoli si macchiassero e che la qualit (ed il loro valore) passasse ad uno scalino inferiore. Dopo qualche giorno, tra quei rami e quelle foglie, i bachi incominciavano a costruire i loro bozzoli e verso la fine di Maggio, se il tempo era buono, si raccoglievano per portarli allessicatoio.
        Quello era un giorno speciale per tutte le persone coinvolte nella "operazione baco da seta"! Finalmente il lavoro pesante era terminato, ci si poteva rilassare, dormire regolarmente di notte ed avere la sensazione di non essere pi tanto poveri.

Un rujc pln di ricurds 
(Marcello Di Barbora )

Che altre d, ai ricivt (LAPE) il gjornal di Morten, il qual al fevelave da la ville e dal parco daj Conts di Varmo. No puds immaginsi tanc ricurds che chl articul a l svet ta la m memorje. Ricurds che j events da la vite a ju veve plats tant tant inst.

Cuant ca' vevi nv o ds ajns, la m famee a ere a st su la strade, che in chi timps a si clamave "Vie Tombe". Tra la nestre propiett e il parco daj Conts di Varmo, a ere nome la strade e un fossalt no plui larch di doi metros. L'ghe dal fossl no rivave nancje ai geni. Dc j fruts ca' jrin a st dongje il parco, di estt che l'ghe a ere tiepide, a traversavin il fosl discolz, ancje se a vevin paure da las sanguets. Cuant che l'ghe a re frde, a cirivin di saltlu dul ca' l'ere plui strt, ma no simpri a la fasevin e alore a scugnivin torn a cjase a cambiasi.

Ma une volte ca' vevin passt l'ostacul dal fossl, il parco al diventave un puest incjantt. Se prime di entr tal parco a l'ere lc ca' nus preocupave, apene dentri, dt a si disfave come la fumate matutine scjaldade dal soreli. Tl parco, a erin tantes stradutes bn marcades. A pensi, ca' jrin cuss parc che cuj jns a son stades tnt pestades, che nje al podeve cresci. No frutacjaz, a las cognosevin dutes e las clamavin cul nm dai lens ca' vevin dongje.

Une stradute a l'ere clamade ch dal milucjr. I milz di chel milucjr, a no rivavin mai a madurisi parc che n ju mangjavin prime. Un'altre a era ch dal cjariesr al veve las ciarisis cuss piciules ca' vevin plui sepe che polpe e no jerin nancje tant dolcies. A ere ncje , une stradute ca' lave vjers une grande plante cui ramz cuvierts di vt di uve. Uve che n di Mortean a la clamavin (Frambule) ca' sars stade l'americane. No ere uve di f vin, ma ere avonde bune di mangj quant ca' ere madure.

Andere ancje stradutes ca' l'avin virs arbulz plens di flurs. Flurs ca' no crd ca' rin nostrns, parc ca' vevin j colors vvs e l'odor cuss fuart ca' ca si ju nulve di lontn.

La stradute che no a usavin di pluj, a ere ch ca' leve la dal pin grand.

Par no frutz, chl pin a lere il len pluj grand dal mont. Al veve j ramazs cussi bn mitutz atr dal so tronck ca' l'ere facil la s fin in ponte. Ma chl ca' nus plaseve di pluj, a l'ere che in ponte di chel len, cualchi dn al veve fatte une cjasute di bris gnoves. A ere fatte prpi ben. A veve la puartute, a botule, tajade tl paviment. Si la sbruntave in s cuant ca' si leve dentri. E cuant ca' erin dentri si la tornave a sbrunt ta la buse in mt ca' si podeve cjamin parsre. La ciasute a no era tant largje, in cuatri di n a si ere un pc stritz, ma a ere ben cuvierte e a veve un barcn ca'l cjalave viers il prt denant la ville. O tantes ores ca' vin passades a gjui in che cjasute.

In chei timps, no sin mai domandz il parc che il Cont al veve ordent di f la cjasute, a ere l e n a la vin usade par tnt tmp. Tant ajns dopo, pensnt a chel periodo cence pensers, tantes rbes che cuant ca' erin frutz a no vevin nissun sns, dopo invezi a vevin snz e tant ancje.

Il Cont e la s femine, une dama tnt gintl e di comportament regale, a vevin nome une fe. E la fe, ca' veve sposat un pilota che dopo a l murt in guere, ncje j avude nome une fe. Savin chst a ven di pens. Cuant ca' l'evin al (Campo Estivo), ca' l'ere ta la GIL, dopo di misd apne gustt, a ns menvin a durm tal parco dal Cont. E ogni d, la Contesse e sps ancje il Cont, a erin fr dal cancl dal lor curtl ca' nus spietavin.

La cjasute sul pn, cum 'o soi sigr, e stade fatte par che j frutz a gjuin. E a soi sigr, ancje che il Cont al al faseve fente di n viodinus cuant cal passave st las plantes dul che n frutz a rin platz. Il parc, cum a le clr, l Cont e a la s femine ur plasevin i frutz.

Ta' la gn memorie, a vit il Cont cui stivi di corem, cui brigons alla cavalerize, la gjachete spurtive e il cjapiel dut fat di vilt ruvid e magagnt, adt par la vite di campagne. Cuant ca' l'ere tal parco, il Cont al puartave simpri la doplete pojade su ls spales, ma no lu j mai viudt o sintt a tir. Al veve, ncje un biel cjn, sul moron clr, ca'l trotave denant di lui e che ogni tnt a si girave par viodi se il parn al vignive.

C bile piture di vite semplice e serene. 

Tnc sals a dc chei ca' ai cugnusts e zujt cun lr, cuant ca' eri gjovin. Ams, che purtrp a no mi vsi dc j lr nms ma la lr muse a ancjem tl gno cur. 

E salts, ancje al Dmo parc ca' j tnt cjantt di gst in tal s coro.

Mandi, ogni ben da Marcello Di Barbora

El me prn amr  
(Di Walter Cibischino)

        Fra pc timp a varn le zornade da mri a chi in Canada. Ta chste zornade importnte j a no pss f di mncl di rinov el me amr a le me femine e di ringrazile par vemi dt 25 ans, di une bile vite matrimonil, e doi brvs frz.
        Ma ta chste zrnade, a no pss fa di mancl di ricuardmi dal me prin amr. Me Mri, e da so vite...!
Me Mri a nassde e crissde in une fame di contadns a Gonrs, un pais dongje Palmegnove, el 31 di Marz dal 1901, e dopo av lavort par qualchi n come infermire ta un ospedl a Napoli, e spost me pari in tal Genar dal 1924.
        Durnt el s matrimoni, me Mri e a avt vt frz!
        Tre parts di frz singui, un part di di gimui e un part di tre gimui! I tre gimui a sn nasz le d di Nodl dal 1932, cjase nestre dome cl miedi dal pais e le comri. El part al stat naturl come che lu a cret el Signr! E quant che i doi gimui avevin quatri ains, un singul al veve tre, e un'altri singul al veve 5 ains! Jo a soi rivt di besl, sit ains dopo dai tre gimui. A le par chl che me Pri e me Mri a mi clmavin (le code). Quant che me Mri a spetve i tre gimui a crodve di sedi incinte dome di doi frz e quant che i tre a sn nassz a e stade une grande sorprse! A no vvin scne e nancje carozele, e allore e n mitt i tre neonz ta un jet di une persone verticalmentri.
        Dopo el part, me Pri par no disturba me Mri e i neonz a le lat a durmi ta grepie da vacjis in une stalle di une famee di contadins ca erin a sta donjie di n.
        Le nestre cjase a jere une cjase pizle e une vore umile ancje a paragn di in che volte, a veve dome ds cjamaris, cenze gabint interno, cenze ghe curnt, cence riscjaldamnt, cenze eletricitt, e el pavimnt a la ft me Pri di modns.
        Tre frz su vt son muarts (cu le polmonite) quant c`a erin picinns, e me fradi Vittorino in un incidnt sul lavr a l'tt di 33 ans! Le murt di me fradi a e stade une bote tremende par me Mri, e a vt un grun di difficoltt a rimetisi di chst grnt displas che subt. Anzi e lasst dt che quant c`a mr a l sedi sotterade ta che stesse tmbe, parsre da casse di me frdi. E cssi al stat ft!
        A sn staz timps ta vite di me Mri, quant che me Pri a re in Svizare, e j a vve di tigni da mnz di 5 frz, une vacje, une cjvre, tre piris, un purzt, 40 gjalinis, 20 razis. vt ocz e une vintine di cunns, e tre cjmps di tiare.! Me Mri no mai stade in vacanze, e nancje a fa el (week-end) di qualchi bande! No mai mitut rosst e nancje el colr rss ta ongulis! Per no ns lassave mai mti une cjamse sa no ere nte e ben stirde! E aveve ancje tmp di fa punturis par dute le int dal pais, e consea ducju di cemnt curasi di chl ml o di chel altri, e no mai ft paja un frnc a di nissn par l a f puntris di d, e di gnt ai malz ca rn a st di che altre bande dal pis, e bisugnve l a pt o in biciglete sa ere!.
        E pr istes, e ai vidt me Mri a rdi, e sintude a cjant, e a f une cjacarade, e une fumde dute contente cui cunfinnz quant c`a leve le sere a jud a scuss blave a fruz o a purcit. Aveve ancje tmp di tigni mieze once di cavalrs p glesie!
        Dc i parnts a vignvin simpri cjase nestre a fa le cjacarade cun me Mri, e i parnts emigrnz quant ca vignivn cjase, a vignivn simpri la di n, par sta un pc cun me Mri, parc che aveve simpri une accoglienze e une peraule amrose par dc.
        La p grande contentze c`a veve me Mri a re quant ca re circondade di frz picinns. El amr che a vt par n fiis, par dc i frz pizui, e i puars, a e stade une robe grandiose. In certis formis me Mri mi ricurde di (Madre Teresa di Calcutte), dedicde le so vite a le fame ai frz, ai aflz, e ai puars. Quant c`al l're un matrimoni me Mri a mandave simpri el sts telegrm di auguris a dc. (OGGI PROFUMO DI FIORI, DOMANI SORRISO DI BIMBI)!
        Me Mri a muarte tal 1974, ss ms dopo ve celebrt el cinquantsin di matrimoni cun me Pri! Me Pri a le muart 24 zrndis dopo di me Mri, di (crepe-cr)!
E cm c`a soi un "sir" ce mt pdio j, no vismi di me Mri che a gjavt el mangja da so bocje par dml a mi? Di chste femine che mi a allatt fin a etat avanzade? E quant ca ri pizl a mi a scjaldt cul s curp, c`a vevi frt! A chiste femine che mi a gucjt i cjalzz fin quant c`a eri grnt? Ca mi fasve simpri li patatis masandis parce che a mi plasvin tant? Ca mi a tignt cjase simpri cn s, parce che a no orvi la tal asilo?         Le so careze cu li sie mans plnis di cj drs, dal lavr, i sie cjavi grs, el odr naturl dal s curp, el so sors, no lu dismenteari mai, e in specil mt ta le zornade di ricorenze da Mri.
Walter ......chel di Cibischin

La perpetua che no saveva cui il pole   
(Guido Zanetti)

Una domenia di Corpus Domini, Caterina la perpetua, aveva da fa da mangj al plevan, quant cal tornava dalla procession, aveva da quei un polc, ma no saveva ce mont flu, frit o arrost, allora i a penst, da mostrai il polc al plevan dalla fignestra dalla canonica, quant chi lui al passava denant, cuss forsi il plevan, a i faseva un segn, in ce maniera ca lu voleva qut. Il plevan quant ca le rivt visn la canonica al jt la perpetua sulla fignestra cun il polc ca lu tegneva par li gjambis cun il cjf in i, e a lu faseva dondon comi una cjampana, all'ora il plevan a la capt subit, ce ca voleva l perpetua e a l cumicjt a cjant in latin. 

Oremus,
Benem facistim Caterinelam,
mostrarem pullum per finestrelam,
partem frictum, partem arrostum,
per Cristum Dominum nstrm...

E la gent ca lu seguiva a rispundt,
mn...

Il go di une volte 
(Marcello di Barbora)

        A Morten dul ca' soi crist al jre il "marcjt", e a crt ca'l sdi ancjem. In chei ins, tra 1930 e il 1940, l'ativitt plui impuartante dal punt finanziari a vignive fatte sul "Marcjt Vecjo", chl placjl di front al macl. la st i cjastinrs salvadis e i grant platanos, i sansrs a fasevin tanc' afrs. Mi vsi ancjem che quant ca cunvincevin qualchi dun a compr o a vendi qualchi animal par sjer l'afar chei ca jerin involvs a si devin la man. E chel aljere l'ct uficial ca valeva plui di chel scrit su la cjarte.
        No altris frutacjaz, a no stavin tant a lung tal marcjit vecjo parc che l'odr ca produgevin i nemi no nus leve tant. Chel marcjt ca' nus plaseve di plui al jre chel ca'l lave da la place grande a la placjute di front al Domo in chel toc di strade, quasi dutes las baraches ca' vvin in mostre la lr mercanzie, a jerin cuviertes di tele di diferent colrs. Che biele scene, cum a sam tant come une pitture impresionistiche francese.
        Mi ricuardi ancje, che dopo ve inspeziont dutes las barches, j cui ams, a levin a viodi c che il vecjo Bepo al faseve. Par no frutz, dutc chei ca jrin parsre i trente ajns a jerin vecjos.
Bepo, il go, al jre prop un brv omp e tant am di duc.
        Al cognoseve par nom quasi dute la int ca'lincontrave. E ches femines ca' nol conoseve, las clamave dutes par siore parone, ce podio fa par j al di di vu? E ai omps ca nol cognoseve a ur diseve. Ce podio fa par vo sior paron? Cun che bocje suridnt, cu la so muse di plevn, ches peraules a compravin duc quantc. Lui al lave simpri, tal stess pust cuntri il mr da la glsie vecje e l, al veve une tule, la mule e la biciclte.
Apne che n fruts arivavin sul puest, Bepo a nus domandave simpri, se avevin fts i compits e prime di dnus il timp di rispuindi al diseve, "A l tnt impuartnt sav a li, scrivi e fa i conts, parc si n a fins come m". N i vin simpri penst che fini come Bepo a nol jere propi tant ml. Par il lavor cal faseve al cjapave bogns bzs, s, qualchi gjaline e di tant in tant, ancje qualchi cunin.
        A d'ogni mt, su la taule dul che Bepo al faseve i s lavrs, al veve tantcj imprsts: martiel, pinzes, limes, fuarfes par taj bande, fil di fiar di diferente grosecje e diferent metl, une butlie di vueli di mchine e tanc' strcs.
        L'arns ca'l tignive su la muele, al jre la gioie di Bepo parc ca' lu veve disegnt e fat lui. Cun un pt sl al podeva fa cori la muele a la velocitt cal voleve. "La velocitt da la muele a tant impuartnt", Bepo a nus diseve spes, parc s cr mas svelte a ps ruvin la tempere dal ogjet, e sa cr mse pc a no si fre nuie, alore par fa un bon lavr, a bisugne cjat la velocitt juste. Par n al jre plui gusts sint la muele a va e viodile a fa faliscjes colorades che dut chl che Bepo al cirive di spiegnus.
        Une robe ca' ancjem impresse tal gn cjf al come Bepo al usave las sos mans, cun lr al podeve just dut. Dopo v drecjat l'ogt cul martil, lu freave su la muele, lu lustrave un pc cun la lime dopo ve past parsre un strc bagnat di vueli a lu sujve ben ben. A us siguri i, che chl ogt dopo dut chl lavor al tornave a same comi gnf.
        La biciclte, che Bepo al usave par l, da un pas a che lal'ltri, a jre une bielece, a jre simpri nette e cus lustre ca' sameave apene piturade. Par ve une biciclte in ch ains, tu vevis di sta ben di cjase, opur come tal cs di Bepo, a iere une necesitt ca coventave par la a vre. Une necesitt, che oltri a traspuartlu a vignive usade par puart la casle dai s imprest. La cassle a iere parsre il parefango da la rvuedule davr e a jre tignude su cun doi firs invidz in tl perno.
        La int in chi timps a lavorave furt par pc, forsi masse pc.
        Epr a fasevin a vonde pr proviodi al f bisugne da la lr fame. In plui a lu fasevin pr la sodisfazin di v fat un bn lavr. Un mt di rason ca'l lars propi bn al d di vu.

Il pettirosso  (Marcello Di Barbora)

Kingston, 16 di Mrc dal 2000
        Sir Aldo Taboga: Il gn am Guido Zanetti mi ha ditte che lui al st cirnt stories scrittes in furln par mettiles sul Internet. Il furln ca' scrv j a le chl ca' si fevelve a Morten pli di quarante jns f. Chiste strje l'j scritte in Canada dul ca' vv, cu la fame, da plui di quarante jns. Il discrs ft tra m e il gn am Ed Snider a le stt ft in lenghe inglse.


Robin, il pettirosso canadese.

Une strje inspiegbile

        Une sere d'estt, dopo cene, j e un am canads clamt Ed, a erin sentz di fr a gjldi l'er frsch dal inbrun. Si stave fevelnt dal plui e dal mancul, cunt che un ucl, che ch in Canada lu clamin Robin, vignint da la propiett dal cunfinnt, si ere pojat su la jarbe dongje di n. A proposit di ucj , ch in Canada, a sn simpri stz protz da la lgg e par chl no n nissune paure da la int. Cjalnt l'ucl, no sj la resn ca' mi vignt spontneo di dsj a Ed:
A stu parc che il Robin a la il pt colort di ross viv?
        Ed, a le restt confs che j j cambit discrs cussi a colp e par un pc a no l rispundt, ma dopo a la ditte ca' nl saveve il parc. Intnt ca' cjalvi l'ucl, atris ricurts a sn vignuz a gle dl fnd da la gn memorje e ij dtte al gn am:
        Chiste storje mi la contde m nne Vigje cunt ca' erj piciul. A sn passts plui di sesnte jns, eppur a mi visj angem parc e dul ca' mi l ditte.
        E p j continut M nne Vigje, cunt ca' mi menve in qulchi pust, mi tignive simpri par la mn parc, a diseve, che j a levi masse spss tj piricj o a sporcjmi tl pantn. Une d, ca' cjaminvin vjr il pas, m nne si fermde a clp, e j ca' eri come let a j, j scugnt fermami ancje. Segnnt cl dt virs j barzs di l dl fosl dongje la strade, a ds A vitu chl ucl pojt s chl ramz?' Si clame Petarss.
A chist pnt, aj spiegt a Ed che Petarss in lenghe furlne al vl d pt colort di rss. E ca' l un ucl plui picjul dl Robin ma ca' l j stess colrs.
        M nne lnt in devnt cl discrs a ds Second la legjende, cunche Jesu Crist al murive inclaudt su la crs, un ucl si e pojt su la corone di spines ca'l veve sul cjf. A same che l'ucl al cirive di tir fr las spines ca' erin implantdes tl cjf da'l Snt m. E cl cirnt di f chl, che par l'ucl al ere inipussibil, si e sporcjt il pt cul sng dal nestri Signn. Du, par chl ct di bontt, a la premit il brv ucl e dtc j s disendnts cl pt maglt di colr rss; par f in mt che duttes las creatres dal mnt a sepn c ca' la cir di f l'antent di ch cualitt di ucj. Ce che m nne a cirive di dimi in ch volte, j j capt nome che las spines a fasevn ml parc ca' sj stt spint pluj voltes ncje j. Il vr significt da la strje lu j capt cunche a eri pluj ancjn. 
         Il gn am par un pc a l stt cidn e po' cjalantmi ben in mse, al ds: A no tu mi crodars, ma une strje cussi la j sintude ancje j jns f, cuj ca' mi l contde no mi vsi, ma soi sigr di vele sintude prime.
J a sint chl ca' la ditte Ed, par un pc a sj restt sence perule e p ij dt:
        No ti same stranj che un Canads come t cn tntes generazins di canads davr e un vignt dl Fril 'talin a vedn las stesses legends?
        A lu cjati plui di stranj, al dis il gn ami, a lu cjati inspiegbil e ca'l fs ve di rifletti sre

                                        A lu saludi Marcello Di Barbora

Le cinque lire del 1955  (Walter Cibischino)

Tra i mie ricordi, e senza volerlo, o trovato il mio regalo di Natale 1955, che mi fece mio padre al ritorno della sua stagione in Svizzera. Si tratta di un biglietto di cinque lire, con su scritto da mio padre la data "Natale 1955". Avevo 16 anni all`ora, e queste cinque lire mi avrebbero fatto entrare al cinema, a ballare, e magari avrei potuto comperarmi vestiti nuovi e una bella cravatta. Ma questi erano soldi guadagnati con duro lavoro da mio padre.....e meritavano pi rispetto!  Ho scelto di conservarli tutti questi anni, e sono ancora li tra le mie cose pi care!
Ho pensato, chissa quanti della mia et piacerebbe rivedere questo biglietto che grande esattamente come sullo schermo.? Cos troverai qui allegato la foto formato JPG, che se credi potrai pubblicare per il piacere di tutti.
Ti saludi te e dc! Mandi.  Walter

La bicicletta di me sr Mariuta 
(Guido Zanetti)

        A la mett dal 1960, la bicicletta a l'era il mesu di traspuart par me sr Mariuta.
Comi ogni d, cun la bicicletta portava all'asilo li quattris fiis, comi ca si vit in chista foto, ma un d, doi carbinrs a l'an fermada par strada e a disin, "signora dove crede di andare con questo carico?", "all'asilo a respond me sr", il carabiniir a i dis, "lo sa che contro legge andare in cinque su una bicicletta", e j a ha rispundt, "e quello che non vedete... aspetto ancora uno! Se non posso usare la bicicletta cosa volete che le porto, con il cs?".
I carbinrs a son stas braus, a an movt un pc il cjf di ca di l e a lan lasda l, cnce dai la multa.

        Alla met del 1960, la bicicletta era il mezzo di trasporto per mia sorella Mariuta.
Come ogni giorno con la bicicletta portava all'asilo le quattro figlie come si vede in questa foto, ma un giorno, due carabinieri l'anno fermata per strada e le dicono, "signora, dove crede di andare con questo carico?", "all'asilo risponde mia sorella" e il carabiniere le dice, "lo sa che contro legge andare in cinque su una bicicletta?" e lei ha risposto,  "e quello che non vedete... aspetto ancora uno! Se non posso usare la bicicletta cosa volete che le porto con la gerla?"
I carabinieri sono stati bravi, hanno mosso un p la testa di qu di l e l'anno lasciata andare senza dare la multa.

A sino puars o a sino sirs 
(
Di: Walter Cibischino)

          Forsi mai come cum no si a cirt di cjat le linee dal cunfn dul che, di c a si e puars, e dil a tu ss un sior!
          I governs sie che provincii e federi, e an cirt par tant tmp e ancje cum a cirn di cjat le linee di chst cunfn..Ma no e csi facile. El dizionari gnf Italin a le fas lungie quant ca la di spiega, (Sir) o (Puar), in pocs peraulis, sir (benestante) e puar (nullatenente) ma ancie chiste spiegazin a lase le questin viarte, parce che a e plui questin di perzecin che di realtat!. Ancje se bn, l'on, par nature so, no l' mai avonde, e si contente di rr di ce ca l`! Par esempli: L'an past a soi lat cu le me femine in Messico par fa une settemane di vacanze, (le prime volte cence fruz!). Durnt el nestri soggjorno avin vudis tanti oportunittz di oserv le vite local Messicane, che seben t'un pais balnear e frequentt dai turists le vite locl no e tant rapresentative da vite vere dal pais, ma alc a si a podt viodi instes!
          Une d fevelnt cun d'un camerier, lui a mi a dite, che tal Nort Americhe a sn dc siors . Parce che a podn permetisi di la in vacanze in Messico cul aparechio e cun bz! Chist a mi a ft un pc pensa!.. E dopo a I ai dite, che ai notat un grn di mendicnz pai marciepits da citat ca domandavin l'elemosine, e lui mi a rispuindut (e si a e vere, no in Messico avn un grn di puars e disocupaz!) All'ore io ai domandat, e tu ca tu as un lavr, une macchine e une ciasute, a setu un sir o un puar? E lui dopo vent penst un pc parsore a mi a rispuindut (e si a confront dai nestris mendicnz a soi un sior). Allore, io iai dite, se tu, tu ti paragonis cui Nort Amerecns a tu ses un puar, ma se tu ti paragonis cui mendicanz Messicans a tu ses un sior! Perci par lui el cunfn da richezze e povertat, a l'ere: quant ca si paragonave cui Nort Amerecans a ere le vacanze nestre in Messico, e quant ca si paragonave cui mendicnz Messicans a l'ere el lavor cal veve.!
             Unaltri esempli ca mi ven tal cjaf; Durant i ains 50 le me famee in tal pajs di Cjasteons di Strade in Friul, a ere considerade come (sotns) cioe' puars par ce che n, in che volte, a no vevin une vacje, e mancul un cjamp! Avnt une vacje e un cjamp a tu varesis vt garantit el lt e el formadi ogni d, e el manzt une volte a l'n, e ancie el ledan par coltiva el cjamp. E all'ore tu eris sigr di no pat le fn! Ancie se i (sotns a mangiavin polente e vergjs a erin instes clasificaz come puars!) Ma i contadins ca vevin une vacje e un cjmp e plui, a erin consideraz (Bacans) cio sirs, al'ore a Ciasteons Di Strade in ta chei ains l, el cunfn tra povertat e le richezze a ere le vacje e un cjamp! Parce che, come za dite, le fn no tu le varesis patide!
          El Ministro da Providence Social dal' Ontario a le ciatat in "aghis turbolentis" quant ca la dite recentementi, che i puars dal (welfare) a podn sfamasi cun $90.00 al ms!!!
          Che chst al sedi pusibil o no, no e le question ca mi domandi.
         Ma quant ca tu as el mangja sigurt e avonde, e un tt parsore el cjaf, a vuelie di, ca si e sirs?? Du la isl el cunfin da richezze e povertat di vue a chi in Canada? Eancje in Italie?
Quale ise le to percezion?
Walter...chel di Cibischin!

Le gjaline rosse 
di: Walter Cibischino

          Ogni volte ca voi a fa le spse e a compr us a mi ricuardi simpri da gialne rosse di me mri!
          Pc dopo le ultime guere, virs el 1946 o 47 a soi rivt a cjase di scuele pc dopo misdi, e ai dis a me mri; Mame e ai fn ce ao di mangia! E ie mi rispuint; v l, v l tal curtl da gjalinis, e tu spitis ca cjanti le gjaline rosse, che vue a di f un uf!! E io ai dis... Ma mame ce mnt satu tu, che le gjaline rosse a di f un uf?
          E je mi rispunt; "Lis ai palpads dutis nosere e dome le gjaline rosse aveve el uf!" Dut contnt a soi lat tal curtl da gjalinis e mi soi sintt sul zc che me pari al usave a sclpa lens, a speta!!
          Intant ca spetavi, cu le fiombe a cjapavi di smicje li lisrtis ca corevin su e ju pa part di cls ca ere a tr dal ledanr!!
          A snt a cjanta le gjaline, e subite a cr a viodi ta cve sa l'ere el uf, ma no ere ne l'uf e nancje le gjaline. A cjali un pc a tor par dt e a vit le gjaline rosse ca vignive fr di une tne ca ere su par sore dal fn, sul staln, adlt quasi sot el tet! A mi rampini su, e a voi a viodi! Ai cjatat une cove di quindis ufs! Dut contnt a soi lt a bs, e ai cjlt el seglt ca si deve di bevi al purct, e a soi lt a cjoli dc i ufs. plnc plancuz, e cun atenzin a soi vignt j e soi lt la di me mari a fai viodi...
          Mame, mame, vit ce che ai cjatat!.. E j mi ds.. catu li, fami viodi ma dul atu cjlt dc chei ufs a li?...E j ai ds.. Le gjaline rosse aveve une tne dt pl so cnt, sul staln, par sore dal fn!! E me mari a ds... a ce fortune.... ce fortunz ca sn.... bisugne ringrazi el signr pa so providenze! E j ai ds... No mame a e le gjaline rosse che a ft i ufs no el signr! e je mi rispunt: Si, ma simpri cu le grazie dal signr! Usgnt a fasn le fartae cu le civole, ca i pls tnt a to pari, e dopo a disn el rosari par ringrazi el signr!
 
         Ta che d, a misd, e ai mangit un uf sbatut cl zcar e lat!! E le sre le fartae ta civole cu le polente e ladric!!. L'odr e el savr di che fartae a lu snt ancie mo ta gole! Le gialine rose, me mri e me pri, a restarnt simpri tal me cr.
          Walter..chel di Cibischin di Cjasteons - 21/01/95

NADL 
(Di Walter Cibischino) 

           CJASTEONS DI STRADE - Dicmber '53 - A eri cjase di besl, dome cn me mari. Me pari, mie fradis, e mie srs, a erin dc vie, in Svizzare o a (servi), ancje i mie cusins e me agne, ca erin a st tacz da nestre cjase, a erin partiz par l'Americhe. Io a sintivi tant le mancianze da lr presenze. Parc che mie fradis e i mie cusns, a mi vevin simpri dongje quant ca erin cjase, e me cusin Alcide, ca l'ere el plui vecjo, a lu rispettavi come cal fs stat me secont par.
             Me mari mi fevelave simpri di lr, e ancje se le lr presenze fisiche a no ere l, spiritualmentri a erin simpri. Li lr fotografis a erin simpri ben espostis, i lor vistiz e erin simpri ben curaz di me mari, e quant che a scrivevin une lettare me mari ma le faseve simpri lej a vos alte!! E a diseve simpri, "vioditu ce tant lontan che son dc laz, sperin ca vadin a messe le fieste, e ca si fasedin vole ben di duc!! Viot di tigni cont da lor biciclette satu!!" Ma fra pc a le Nadl e dc a vegnin cjase, mancl che i mie cusins e me agne ca son laz mase lontan, in Americhe.
             Un dopo che l'altri a son dc tornaz... e le cjase a e subite emplade. Le nestre cjase, ancje a paragn dai timps d'in che volte, a ere une cjase umile e pizule, aveve dome dos cjamaris, cenze bagno, cence cesso, e cenze aghe curint, eppur le nestre famee di sit personis a cumbinave in stes! Ta un jet di une persone a si durmive simpri in doi (un da cjaf e un da pis) e ta un jet dopli a si durmive in quatri-cinc e tanti voltis al durmive cn n, ancje el nestri fedel cjan! E nestri csin Giulio, "prime di parti par l'Americhe," e nisun a si lamentave, dome mie fradis ogni tant a si cridavin parce che un ai meteve i pis ta mse di che l'altri! 
            Ma finalmentri le zornade di Nadl 1953 a e rivade.!
Me mari a e jevade quant ca le cjampane da glesie a sunave le ''Ave Marie", a lis cinc e mieze! E a va subite a messe prme. Par pod dopo dedica le zrnade a le cjase e a le famee!!
            Quant ca torne cjase, a fas une biele pignate di "zf" cu li cocis ca si tignive simpri taponadis cun d'une sfilzade sul granr, par no ca si inglazin!!
            Cun amr e cun gentilezze a ns dismof, e nus clame 3-4 voltis a fa di golezion. El savor dal zf cjalt, cul lat fret, a le inconfondibil, e al jentre ta le anime, e no si po dismentealu cun facilitat!.
            Intant che io, mie fradis, e mie srs a si mangjave, me mari a va a fa i liets e a va a tira fr e preparanus i vistiz di fieste, pronz sul liet. Mi visi che quant ca sin laz a vistisi i vistiz a erin simpri stirz spazolz e netz ca sameavin gnfs! Me mari a tignive, chei ps vistiz ca si veve, simpri in perfette cundizions, protets cu le naftaline, e profumaz dar el colr cun (Pino Silvestre) e i abits di mie srs profumaz di (Felze Azurra di Paglieri)!
            A sin laz dc a messe grande a lis ds, quant cal sunave el campanel da glesie, dc insieme, mancl che me mari. A mi visi ca si cjaminave pal pajs dc ben vistz, cul fazolet di nas tal sacchetin, da giachette e decorat a flc, e le golarine cl grop a "scapino" nez e profumaz, (braurins) come ca si les a gnozis! Quant ca sin rivz in glesje, i e me pari a sin sintaz ta un banc, mie fradis a sn laz cui lr amis, in pins dar dongie le puarte di entrade, e mie srs cu li lr amighis, tai bancs devant!! Quant cal rive el muini a cjapa su bz cu le borse, cul mani lunc, di cjane gargane, a viot che me pari al met dentri "cent e cinquante francs!" Io a lu cjali come par dise "mase" ma lui mi preven e mi dis "e an di comeda el tet da glesje!"
            Dopo messe a sin laz a viodi el presepio ca vevin ft i clerics dal pajs, e dopo ve ft le cjacarade cui amis fr da glesje me pari a mi mene ta ostarie central dal pajs (Al Gelso) e al comande (un taj di neri, e une spume "par me f").
            A sin dc tornaz cjase a gsta viars le une mancl un quart. A mi ricuardi che man man, ca si avvicinavin a le cjase a si sintive chei bons odrs da cusine di me mari (rosmarin, salvie, basili, ai, specis, pancette)! odrs ca fasevin viargi dc i pros dal stomit e ca no si podn dismentea!
            Me mari aveve preparade le taule cu le tavuae e salvietis blancjs ricamadis a man par je stesse!! (Chiste tavuae a le ai ancje mo!)
            El gust, (mignestre di brut, polez less, cunn arost, verdure e patatis masanadis, e une terrine di ladrc,) pan fresc, un bocl di bac, e le inmancabile aghe di "vissi".In che volte, cjase nestre, no si mangiave mai dolz, pastis o "deserts", dome qualchi milz sa lre, ma le robe plui importante ca ere, a l'ere el amr cal esisteve in famee, a sedi dc insieme, riunits, chist amr a nus nutrive plui che el mangja ca si veve! Le presenze di me pari in cjase, sintt a "capo taule" a ns deve a dc un grant sens di sigureze e contenteze.
            Dopo di misd e dopo une pizl "pisulin" viars lis tre e mieze a si leve a gjespui. Mie fradis a no volevin la, ma me mari a ju mandave in stes! Le sere viars sis e mieze a si cenave i vanziduins di misdi cu le polente e un tc di formadi e ladrc.
            In che volte a no si veve television, telefono, o aradio e alore dopo sedi restaz un pc insieme a raccontasi le storis da Svizzare, dal lavor e da fieste ca ere passade, le zornade a si finive csi!. No mi visi di ve mai ricevut un regal vuluzat cu le cjarte lusinte e flcs! 
            A paragona cul d, di vu, ca si a di dt, al samee che el Nadl di Cjasteons dal 1953 a l'ere cenze nuie, puar, e misr, e fin no tant timp f a pensavi simpri ca no vevi ricevut nuie di special di ricuard, dai Nadls durant le me infanzie tal Fril. Cm mi rint cont inveci che ai ricevut une vore!!
            E ai ricevut un grant esempli di affiatament e valrs familiars, (un par dc e dc par n!) Le fortune che ai vude, di ve vut doi genitors come i mie! E ai capit che ta une famee le mari e une part importantissime, e ai capit le influenze ca la el pari sui fis. E ai imparat ca no sn li robis materialis ca puartin le felicitt ta une famee. E ai imparat a cumbina cn pc.... E a rispeta e appreza, le part che an ft, e l'esempli ca ns an dat i nestris vecjos. E ai imparat a no dismenteami dai puars, e da causis justis, e di fa le caritat, "fin qant cal dul!!!" E di no sedi avr e crumiro. E ai capit, che le glesje, i parints, i cunfinanz e paesans, e an une grande importanze ta nestre vite d'infanzie. E ai imparat a sedi a grt par dt ce che si a, e si ricev. Ma plui di dt e ai capt che in che volte a si celebrave, e festegiave, le vere resn di Nodl, cio le ricorenze da nasite dal nestri Signr, e vonde!
            Walter.....Chel di Cibischin - Dec. 1996 

Insieme cu le me femine Marie, e i mie frz, Natasha e Marcus,
a augurn a dc i amis Frlans e a li lr fameis un Nadl plen di amr e ps! 
E che l'n gnf a us puarti un grn di felicitat e bune salt.
Walter e Famee.

Note ben.
che el non "Natasha" a l'ul d (frt di ndal) in Rss!!

Mandi Morr a si tornarn a jodi! 
(Walter Cibischino)

            Ogni volte ca trni in Italie pr une resn che altre, a no ps fa di mancl di torn tal me pas : Cjasteons di Strade, l che si nasst, e torn a viodi le cjse ca mi a viodut a nassi e a crssi durnt dte la me zoventt. Dopo le murt dai mie gjenitrs, I gnfs parns da cjse no le abitn plui, e a vegnin si e n une volte ds a l`n a pass qualchi zornade di vacanze e alre le cjse a e simpri vueide.
   
         Le ultime volte ca soi stt l, a soi vignt vie cun d`un biel grp tal cul a vidi la cjse dute sgangarde e malandde, cui scrs dai barcns plns di carli e le verns dute secje e spacde; li manigls da purtis dutis rusindis e el curtl e l`ort dut pln di arbtis
   
         A l`re dome el vecjo morr tal miz dal curtl ancje mo frsc e in bunis condizins, al sameve cal sts spetnd qualchid`n. A soi fermt un pc a cjallu..el morr ca mi a viodt a nass! E a i ai dte; ``Cjar morr, sa tu podsis dome fevel, a soi sigr ca tu varsis tants robs di dmi. E tr lis tntis a tu mi disarsis :
   
         Walter a stu t che jo mi vsi quant ca tu ss nasst? A mi vs come cum che to mri ti meteve in ta scne cal ft to nono e ti metve propri chi st tl frsc da li me bachtis.Anzi mi ricuard ancje che to pri ogni matne al picjve ta I mie ramz le scjpule dai gardilns a canarns e lr a cjntavin a alte vs di contenteze!
   
         A mi vsi ancje che qunt ca tu ris grandist a tu abrzavis el me trnc par vidi sa tu rivavis a tocj li mns di che altre bnde!E qunt ca tu ti rnpinavs s sui mie trncs par riv a cjoli li mrs.
   
         A mi ricuardi ancje qunt che to mri e to pri a tignivin i cavalrs e a tajavn li mie bachetis par daur le mie fuis di mangj, e a to mri a I displaseve tnt qant che un cavaler a lve di stc!
   
         Durnt le gure a mi ricuard che to pri e to mri a fasvin une bse st el me trnc e dopo a le emplvin di savaln misturt cn salmps e musts ta bse, e tu tu s domandt a to pri ``Pai parc metitu i salmps e musts ta bse? E to mri ti rispuindut `` Par no ca n ai robn i todescs quant ca vegnn.!
   
         E mi visi ancje qunt che i cosscs a vevin cjapat prisonr to cusn Alcide e dc valtris a vaivis di pare ca lu vssin mazt. E tu Walter a tu ss stat el prn a viodilu quant cal scjampt e a le tornat a cjase ! Mi vsi come cum le contenteze ca vs vt dc a viodilu a torn a cjase cun vualtris.
   
         Subit dopo le gure a mi ricuardi bn che tu, tu eris ancje mo frt, e tu vaivis di crpe cr a viodi to pari a part, cu le vlis leade cun d`une carde, par la a lavor in Svissare. E tu une volte tu j s dite; ``Pi no sta la vie reste cjase cun n`` e lui ti a rispuindut, ``No f mi toce l . Ti parti bn cjase j le cjocolate quant ca torni a Nadl``. E plui tart ancje tu tu ss partit di bessl pal mnt, ca tu eris ancje mo frt
   
         Quant ca ti saludt to mri, a vaive e ti racomandt tant di f simpri el brf frt, onst, di la simpri a mese, e di scrivi spsOgni tnt qunt ca tu vegnis a tu passis simpri par chi a cjata i tie parnts e cunfinnsCum chi Walter nol e restt plui nissn e el curtl e le cjase a sn une desolasin!
   
         Walter mi ricuardi che qualchi n f a tu ss tornt come simpri, ma chiste volte a tu vevs doi zvins cun te e tu fevelvis cun lr une lenghe che j na capvi Ma i ai nott ists ca tu fasvis viodi lr le cjase e el cutl cun affit e amrE sigr tu contvis a lr le to vite di zvin cui tie parnts e cunfinns e cu le to fame. Chste volte tu ss restt plui a lnc tal curtl cun chist doi zovns e tu ur s ft viodi dt, sebn che parchi cum a no e tante belzze! E quant ca tu ss lt vie a tu mi s dite ``Mandi morr, a si tornarn a vidi.
            Walterchl di Cibischin, di Cjasteons di Strade

Me sr Licia 
Di Walter Cibischino.

            Al re el trds di Avst passt quant che i ricevt une telefonade dal`Italie a ls sit mancl un quart le mattine. Al re m nevt Renato f di me sr Licia, e mi dis : ``Barbe a e muarte to sr``. A soi restt incantesemt, e ai ds : ``Ma ce dtu Renato cuale me sr`` (And`i ds), e lui mi rispunt ``Me mri to sr Licia!``
            No i perulis adtis par descrivi el dolr, avvi un grp tal cul ca no riussvi a fevel. Dopo ai domandi, ``Ma parc, cemnt, dul, quant?``
            E lui mi ds. ``A murte a chi in ta s cjmere, a re dar a vistsi quant che le vne aorte a si rte dngje el cr, e a colde dngje e lit! Quant ca rivade le ambulnce a re bielz murte!
            A si rivt tal pais di me sr, a Gonrs, ca ern lis tr dopo di misd e no mi ricuardvi el indirz gnof di me sr. Li strdis di Gonrs a rin dtis desrtis, dtis li butghis a rin siardis, e nol re nncje un cjn pal pas! Dopo v girt un pc a vit doi zvin sintz su di un marcjept. A soi lt dngje e ur domndi. A savso l che a st Licia? E lr mi rispuindn, ``Che ca murte?`` ``S che ca murte.`` E dopo mi domandn, a stu s frdi, chel cal in Canad. ``S`` ai dte. ``Ti clmitu Walter tu?``, ``S mi clmi Walter``. E dopo a mi disn ``Licia a a st l, ta che purte l. `(A 200 mtros di du l che rn!)
            Tal domn a si lt a tir le ghe sante a m sr, ta cjse morturie dal vcjo ospedl di Palmegnve (cm e an ft el ospedl gnuf) Qunt ca si entrt a mi a vignt un clp al cr, n dme a voidi me sr murte, ma ncje a constat chste cjse mortuarie in codizins pietsis, ca sameve un garage mecnc! E i dte ``Sr tu, tu ti mritis pli bn di cuss.`` Pc dopo a mi si sintt l, dngje le csse pr crche une re, a mi ricurdi che el ventilatr cal re tal suft al girve dt sturt cn d`ne liche dte rsine e ogni gr cal fasve a si sintve, tic tc, tic tic, tic tic. Al sameve cal vs di col parsre le casse! Une situazin cussi pietse, no le vvi mai vidde! 
            Me sr Licia a vve 72 ns qunt ca murte. A lde a serv di zvine ett, par podsi quadagn le vite! A sposde zvine cn d`n cjalir di Gonrs. E a passde dute le s vite in povertt. A mi ricurdi che durnt i ns cinqunte, me mri a mi mandve a Gonrs (3 chilometrs) a parti rbe di mangj ca si vve tal rt, parc che lr a murivn di fn! In che vlte dc` i nstris parnts ca rn in Americhe e n ft une colte, e i n mandt $50.00! Ca er'in bezns tal 1955!
            Tal s matrimni e vt tre bii e brvs frz, e vt ncje tmp di jud el s mp (Checco) a fa ciavtis e comed scrpis. Le fame di me sr a Gonrs specialmntri virs i ins `50 e 60` e smpri abitt in afft di ne bnde o di che ltre. Al un pust l che re a st, ca mi ricurdi in particolr parc che avve li cjamaris di une bnde dal pas e le cusnute di un`ltre. Ma le resn particolr che mi fs ricuard chst pust al che, se in ta so cusinute, le sere qunt che le ls a re distudde a vignvin fr (Milins) di scarabis tal sufft! Anzi n si zujave cui scarabis distudnt e pint le ls, e dopo si ridve! Dme ti ltins ins recnz a re rivde a f une cjse, e mi disve simpri. Chiste cjase a e stade fate a fuarze di cambils! Ma me sr aveve un sorriso permannt ta so bocje, e une bune peraule par d. D a levn a cjatale par sta a f une cjacarade cun j! Me sr a no e mai stade di tantis bandis a no viazt tant, a no e mai stade in aparechio, ma a soi sigr ca e lade in padrads! Aveve simpri une passin mate pa rosis, che cjase so a no mancjavin mai, nancje quant ca ere a sta la dai scarabais!
            Dopo le murt dal so mp, e I frz dc sposz e laz vie, a e restade sole cn so cugnde, sr dal so omp. Le cjase a ere a un chilometro e miz fr di Gonars. Me sr a sufrive tnt di athrte, e ultimamentri a no podeve plui la a fa le spese cu le biciclete, e all`ore je e so cugnade e n vindde le cjase e comprt un biel appartamnt tal centro di Gonars. Dongje le glesie, dongje el miedi, dongje le bancje, dongje le buteghe di alimentrs dongje le pueste. Mi diseve simpri ca e csi contente ta chst apartament confortevl, e ca vars vt di la a st tal centro prime! Un n dopo, ta che stesse d ca ere tal appartemnt, a e muarte! In ta so borsette aveve un corone, che so fie a ma le a dade a m. E aveve ancje une prejere.le prejere ca nus a insegnt nestre none prime di la a durm e che ds :

I mi pn, e mi pn a chi,
e a no sai sa riv al d,
riv o no riv,
e ai tanc peciaz di confes,
and`ai di pizui e and`ai di granc,
Signr e Marie santissime
Perdonaimai duci quaint!

Me sr Licia a e rivade al d a e muarte a lis nf le mattine.! Qunt che n mitude le casse in tal mr a i ai mitt parsore da casse une rose e a i ai dite mandi sr no sta dismenteati ca ti vuei bn, e a si tornarn a viodi!

MADONNA DI CASTELMONTE PREGATE GES PER NOI 
(Di Walter Cibischino)

            Tal me pais la che soi nast, Cjasteons di Strade, tai ains tra el 1945-50 a si leve une volte a ln in "pelegrinagjo" a Madone di Mont, par ringrazia le Madone e el Signr pa lor providence!
            A chi cmo in Canada la ca soi a st, ogni volte ca vjolt une slitte, tirade da cjavai "SLEIGH RIDE O UN HEY RIDE" a mi ricuardi simpri dai pelegrinagjos di Madone di mont!
            A l'e l'an 1949, Pasche a ere pc ca ere passade, e no frz avevin appene finit di "batela e scarozela" dopo rosari in glesie, cmo nol restave altri che di speta, di la in pelegrinagjo a Madone di mont! A bisugnave las le caparre e prenot el puest sul cjar dai Bacans di "Sis" a mancl un mes e miez prime di part. Durant dc i ains pasaz le tarife a ere di quatri cent francs, ma chest n parce che i Sis avevin mitudis tal cjar li arvuedis di gome come ches da machinis, e si viazave plui confortevolmentri, che no cun ches di len e fiar, el presit a l'ere lat s a quatri cent e cinquante francs!
            Si partive simpri di chel stes orari, e di chel stes pust! Ale une e mieze dopo mieze gnt. Da place dal pais, devant le glesie, sot el tr (cjampanili). A si sintavin ator el cjar cui pis in iu, e altris tal miez dal cjar sintaz su li balis di strn! Durant el ms di Juin, e adre le mattine al faseve ancje mo fresculin e csi a si taponavin cun qualchi sfilzade o qualchi capt restat in dar dai Cossacs dopo le guere. A erin in cirche une cinquantine di personis e fruz! Doi cjavai di fuarze a tiravin el cjar cal veve li arvuedis ben ontis cul "smir"!
            Quant ca erin sul stradn ca nus puartave viars Udin e Cividat, mi par ancje mo di sinti el "tic toc, tic toc dai cjavai e le int a cjant," MADONNA DI CASTELMONTE, PREGATE GES PER NOI !"
            Pc prime di riv a Udn al scomenzave a "crica" el d, e si scomenzave a viodi li culinis di Cividt, e le int a diseve: Vioditu la ca vin di la? No mi par vere! Ha Madonute benedette iudinus!!
            Dopo passat Udn sul stradn viars Cividt a le un tc di strade la ca si viot su li culinis, el paist di Castelmonte! Mi ricuardi che me mari a mi dismoveve par dimi "vioditu Walter, vioditu la ca e le Madonute, a le la, ca vin di la, Ha Madunute ce tant lontan ca tu ses, ma no vignin instes a cjatati! Salve Regjne mari....!"
            Di Cjasteons a Cjararie a son cirche cinquante chilometros, e no cul cjar a mettevin cirche vt oris par riva a Cjararie, cenze mangja e si e no si beveve une taze di aghe parce che avevin di fa le comunin! Si rivave a Cjararie viars lis nf, mi par come cmo, quant ca si rivave, a distacavin dal cjar i doi cjavai ca erin duc sudz, cul sudor cal coreve i dal lor curp come sal ves plovut! I ca vevi nuf-dis ains a cjalavi i cjavai cun d'une certe pne di lor, e une certe gratitudine par venus tirz cusi lontan... ubidienz, e cenze mai lamentansi.... Chei doi cjavai a li, dai Bacans di Sis, a mi son simpri restaz cjars tal cr!
           Di Cjararie a Madone di mont a erin cirche sit chilometros di strade di montagne, cenze sfalt, e n ducju avevin cmo di fale a pt disnt qualchi prejere strade fasint! Durant le strade a cirche un o doi chilometros di un a che l'altri a erin i "casei" (une pizule nicchie) cun d'une pitture da Madone, e no si fermavin dc l, a disi tre (salve reginis) e fa li crosutis cui stecz di len!
             Quant ca si rivave sul plazl sot le glesie a l'ere come un grant solievo....ma ancie mo no si ere rivaz in glesie!
Dal plazal sot le glesie (che cmo a le un parchegjo) fn in glesie a sn cirche quarante scjalins,... che me mari ma i faseve f, cun je cui zenoi!!.. E strade fasnt a si diseve rosari...Mi ricuardi che me mari a diseve..."Ti prei Madonute benedete ten da menz i mie frz....E el me omp ca le a vore in Svizzare di besl". (No ai mai sintut me mari a prea par je, ma simpri pa so famee, e chei mancl fortunaz!!) Quant che finalmentri a si rivave in glesie e si diseve qualchi prejere, a si sintavin ta un banc, tal cidn e tal fresc, e tal cuit.... A ere come une rincompense pal sacrifici ca si veve ft a riv fin la! Dope sedi confessaz e dopo le mese, e fate le comunion, si leve tal "refletori" a mangja ce che si veve partat.
            Qualchi d'un al mangiave polente e formadi, un altri al mangiave polente e fricis, e chei ca stevin plui ben a mangiavin polente e polez! El rest da zornade a ere dedicade a la a viodi du i quadris da glesie, e le, buteghe dai ricordos, par compr si e no qualchi madajute cu le Madone par fale dopo bened dai Fraris, e mand une cartuline a me pari ca l'ere in Svizzare!
            Le gnt, i fortunaz a le passavin tal dormitori public, a durmi su li brandis, e che altris a durmivin tal refletori la ca si mangiave! Cui al durmive su li bancjs. Altris a durmivin su li taulis ...E altris scrufuliz par tiare, sul paviment di piere! I omps zovins a levin a durmi pai cjamps ta medis dal fn ca avevin tajat i contadins locai.
             Tal domn dopo sedi lavaz le mse ta lage da fontane e cjapade messe a si tornave a Cjararie planc plancz cirnt qualchi nole strade fasint!
            A si partive cul cjar di Cjararie quant cal scomenzave a la i el soreli viars cinc e mieze sis, dc contenz e raccontansi li storis da zornade pasade.
            A si rientrave a Cjasteons tal domn durant le gnt viars le une e mieze dos, dopo mieze gnt... Mi ricuardi che quant ca si entrave tal pais, i paesans a jevavin e a viargevin i scurs dai barcns da cjamaris par vigni a viodi, e par vigni a saluda e a sinti i pellegrins di Madone di mont ca cjantavin: MADONNA DI CASTELMONTE PREGATE GES PER NOI !
            WALTER CHEL DI CIBISCHIN - Scrite el 28 di Lui 1996.
                                        "Tapon el passt a le rinunci a lis tie radis.!