Poess-3

LE POESIE DI 

GABRIELLA MUNINI

Caro Aldo, 
mi rifaccio vivo dopo parecchio tempo anche se le vicende del sito le seguo sempre.
L'ultima volta che ho scritto avevo promesso di mandare alcune foto del matrimonio di mio figlio, ed una cosa che far appena saranno pronte.
Ora ti scrivo per inviarti alcune poesie di una mia carissima cugina.
Conoscevo la sua vena artistica ma non sapevo nulla delle poesie, leggendole mi sono rivisto bambino al paese (Caporiacco - Cjauri).
Parlano del paese e di alcuni personaggi vissuti quando appunto eravamo giovincelli, sono cos ben descritti che li rivedo come fossero ancora presenti.
Mia cugina non ha mai pubblicato niente delle sue opere e questa la prima volta che lo fa, sempre che possano piacere, e che tu sia disposto a farlo.
A me piacciono molto, forse perch come ho detto sopra mi ricordano l'infanzia e l'adolescenza.
Grazie per la tua sempre grande disponibilit ad ascoltare tutti.
Santo Di Bez

BREVE BIOGRAFIA
Si chiama Gabriella MUNINI, i suoi genitori entrambi di Caporiacco, si trasferirono a Bolzano per lavoro, difatti lei nacque l.
All'et di sedici anni perse il padre in un incidente stradale e con la madre, mia zia, e le sorelle si trasfer a Udine dove vive tutt'ora.
Ha sempre amato ed ama Caporiacco, vedi la prima poesia, e il Friuli.

CJURIA'

Ta che pas grant come un scus
o ai passt i momens pui biei de me vite.

A l'ere el pas dai mei nonos,
l che stavin i mei barbes e i mei cusins
ducj insieme.

A l'ere el puest l che - picinine -
o podevi cori cence pericui
dar dai gjas te braide.

O podevi st discolce e bagnami i ps te pompe;
l te stale a fevel ale more
e cjarin plancjn le bise

l a giu la de gleseute
e cjoli l'aghe laj dal lavadr,
dul che les femines di cjscjel
e lavin cui geis a lav e a fevel.

O spetavi dut e l'an che rivs l'astt
par vign a Cjauri.

O contavi i ds pes vacances di scuele
che si iemplavin dai odrs di fen tat
di vendemie, di pan bon di none peresse.

Dai giucs ta l'arie, des vs de int
di chest pas.
 

GJALDIN DAL PAN

Se m'impensi
l'odr bon dal pan
al rivave ancjm prime di lui.

Gjaldin si fermave cul furgoncin blanc
l de gleseute tr undis.
Al dave ds pivettades
e in t'un moment atr
al veve femines e frus cu les sportes,
a compr pan e fasi not sul libri,
che -in che volte- 
si pave ale fin dal ms!

El fornr a l'ere un toc di omp
simpri soridint.
A l'ere ninin
quant cal rideve cun chi dincj rars
e le muse francje. 

Al veve un compliment par ducj
e les femines -ancje ches pui vecjutes-
e vevin gust e fasevin un tic
les stupidutes,

ma a l'ere dut par gust,
propit come il gust bon dal pan!


MINE PUC

E vignive quasi ogni d a cjat none peresse.
E rivave di cjase so,
in somp de stradele,
picinine come une frute,
a passus svels, cul griml tirt su
e let sot dos tetutes altes e tarondines
come glimus di lane.

Si sentave in cusine
sule cjadree a flanc di none,
e tabaavin des novits,
e scoltavin le radio poade sule vetrine,
e scussulavin insieme i cesarons,
tignint a mens le mularie.

Me sr Manuela e cjalave 
chel music lustri, cuet dal soreli,
chei pomei rs;
e fissave chel coconut pontt dr
sore le rie tal miec dal cjf
e ridint e tacave a d par sot:
Mine puc, Mine puc.

Fin che che atre e veve les lagrimes tai voi
a sun di ridi
a sint che canaute
piciule come un sentesin,
che le conoave!

VITO EL PIELR

 Al rivave tal curtl simpri in premure,
cui cjavei dres e les mostacjutes biondes
come les panoles;

Le piel scure e i voi clars e spirts,
sut come les piels dai cunins
c'al vigneve a compr par 40 francs l'une
(no di pi parone)
al diseve a none.

None i meteve les piels tal sac
e i slungjave un tai di neri.

Lui al sgerfave in somp de sachete
e al tirave fr i bs.

Al polsave juste un moment,
smicjant cun voli d'intenditr
i cunins che saltavin
dar de rt dal serai.

Ches piels erin gi ss,
40 francs l'une, no di pui parone! 

LE GHEGHEOTTE

Si clamave Graziella (Grasiela par furlan)
un nom spirits e biel come je

E rideve simpri
sot di chei cjavei sglonfs e ricios.

e alciave le muse,
e ingrispave i voi
e rideve cun che vs gherbe
di ucel salvadi.

E contave ce che i passave pal cjaf,
si cjalave contente i stafes neris
e si remenave el vestidut a rosutes,
come une frutine,
ancje se ere une fantate.

Forsit propit par cheste so semplicitt 
ere deventade "le ghegheotte"
un nom cal saveve de so libertt.

IL CL DAL GNO PAS
(Agata Deana)

Ce cl il cl dal gno pas!
Jo ml sumii di gnot,
lu pensi e lu ripensi
lu jt simpri plui biel!
Cuss lusint lastt,
un pc fusct dunvir,
e chel soreli daur
che nond altri al mont.
E sot e j la tiare,
che tiare benedete
che no po cognossi il ml!
Vores ne volte sole
torn a rimir
che ls e chei colrs
ma ai pore di scuviarzi
che il mio cl cuss tant biel
pardut al simpri chel!

LIS RIBIS DI ORSARIA
(Ricurt de mi infnsia)
Renato Galliussi - Paran (Argentina) 1969
 

Una d che o ri a lns j pes ribis,
frt...ds ains (forse mncul che plui),
o sintivi un bon profump di violutis
che mi vigniva par dungia del troi.
Tuna csa, nassudis tei cls,
dungia ds tre menadis di pl,
ben scuindudis dar un sterp di bars,
e spandevin el lr bn odr.
El ra frt...un scrizt el saltuzava
becuzant tr un strp e chel altri
el alzava el ciavt... mi cucava
po el coreva daur un zc a platsi.
O ai lassada la me massangheta
(la ai pontada te ciza di un l)
o ai mitudis lis mans te sacheta,
el scrizt l sciampt cun tun svl.
O soi sintt un moment ta che grava
pensiers... contemplant viars Levrns.
Tel salt una fruta e ciantava
lis plui bielis des nestris cianzns.
Un pc plui in l, su tun clap, ds risaltis
si gioldevin chel tic di sorli.
No sbatevin i vi, come muartis
e parevin come ftis di vri.
Businant e vigniva j lga,
bruntulant e passava par l,
ciarezant a la svelta la sponda,
po e coreva tel mr a mur.
L dist, viars i roncs de Bada,
si vedeva a pass qualchi nl.
Su tun pl, dungia el rt di Rusa
si sintiva a ciant el rusignl.
E son passadis svolant quatri zris
si son poiadis l di front in tel prt.
In tel tr e batevin lis ris
e si vedeva pes mons nevet.
O soi voltt di che banda de glesia
(cun chel tr tracagnt come un mcul).
Cu la man o cirivi la spina
che mi veva ientrada tun zcul,
La campagna e durmiva cuieta
sot chel mant del unvir grs e scr
A cial che natura tant scleta
o ai sintt come un bt in tal cr.
O ri frt...no vars mai penst
(A che ett no si pensa profond)
che la vita mi vars destint
tant lontn pes contradis del mond.
Ma chel quadri gravt lu ai te lanima.
E son tainc ains di ches ft, ma ancia u,
co mi pnsi des ribis di Orsaria
mi vit frt...e mi ven di va.
 


LE RIVE DI ORSARIA - (Ricordo della mia infanzia) -

Un giorno che mi trovavo a raccogliere legna sulla riva (che scende alla sponda del Natisone), ero un bambino di dieci anni o forse di meno, ho sentito un intenso profumo di violette, che saliva lungo il sentiero. - In un cespuglio, nate tra i sassi, vicino a due germogli di pioppi, ben nascoste dietro un sterpo di rovi, mandavano il loro buon profumo. - Faceva freddo... un piccolo pettirosso saltellava beccando tra i cespugli, alzava il capolino... mi guardava e poi correva a nascondersi dietro ad un ceppo. - Abbandonata laccetta (lho piantata nel ceppo di un olmo), ho messo le mani in tasca ed il pettirosso fuggito volando. - Mi sono seduto un momento sulla ghiaia, pensieroso...contemplando verso Leproso. Nel vicino boschetto, una ragazza cantava le pi belle delle nostri canzoni. - Un poco pi in l, su di un sasso, due lucertole godevano di quel poco di sole. Non sbattevano gli occhi, come morte, sembravano fatte di vetro. - Gorgogliando scendeva lacqua, brontolando passava l vicino, accarezzava veloce la sponda e poi correva a morire nel mare. - Pi in gi, verso i ronchi della Bada, si vedevano passare qualche nube. Su di un pioppo, vicino lorto di Rusa, si udiva cantare lusignolo. - Sono passate volando quattro cornacchie, si sono fermate la di fronte, nel prato. Il campanile batteva le ore e si vedevano i monti bianchi di neve. - Mi sono girato verso la Chiesa (con quel campanile tracagnotto come un moccolo). Con un mano cercavo la spina che si era ficcata nello zoccolo. - La campagna dormiva tranquilla, sotto il manto dellinverno grigio e scuro. A guardare quella natura cos semplice e vera, ho sentito un botto al cuore. - Allora ero bambino... non avrei mai pensato (a quellet i pensieri non sono mai profondi) che la vita mi avrebbe destinato ad andare tanto lontano, per le contrade del mondo.- Quel quadro lho fissato per sempre nellanima. Sono tanti gli anni passati da quel fatto, ma anche al giorno doggi, quando mi ricordo delle rive di Orsaria... mi viene da piangere. (Renato Galliussi)
 


Vecjo, bon e cjar Friul
(Otello Silvestri)
 

Vecjo, bon e cjar Fril.
no lassti f plui dl;
v fiducia tl,furln,
no sta jessi plui sotn.
Ancje tu tu ss te storia,
no ti mancja la t gloria;
el to gnio al rel,
a chei altris sstu ugul.
No j una tiara co vdi a mens
che no sovegni i toi tormens,
ma tant mancul di sigr
i granc' segnos dal to lavr.
Chista, Fril gno, la to poesia,
l'art, la etica, la to filosofia!
 



Maria Esther Piussi

L I D R S
Piussi, Maria Esther (ARGENTINA).
 

Sei nassude in Argentine
tiere di diversis mans
ma miei nonos e gno pari
son talians e ben furlans.

Sei vivint in Argentine
mangi "asado" e beif "mate"
ma ta taule di un furlan
simpri al` une polente fate.

Le polente ben taiade,
il frico tan ben saurt
il gno cuarp cun "furlanadis"
al cresciut e l` nudrt.

Lis peraulis di me none
li sonavin c e l
sfilant stris dal Fiuli
dal cjanal e di plui in l 

Tra li stris e li glris
di gno nono, ex-combatent,
jo passavi lunjis oris
cul gno spirit: tant content!.
Fra li cjcaris e i biei siums
jo o ai impart chest costums:
le polente, il frico....un fogolr;
...e il furlan: dialt tan cjr.

Gno pari e miei nonos
no son mai tornts al "friul";
jo, complint chei siums lontns
sei rivade a i miei furlans.

Chel cjanl, il bil Canin,
Plan, Tamaroz, Pezzeit, Fussin,
ducjs nons che il gno cr
al scoltave cidinn, son rivadis a miei voulis,
No hai savt nancje ce d!.

Viodi il val dal bil Raclnis,
cjamin sot chei biei boscs,
mi sameave une bause
vivi chest tant grant ings.

Jo ai capt, uei che sei stade,
che il Friul no al` in Italie
al tal cr di ogne furlan
dal Italie o dal lontn.


Ce biele sere
(Marcello Di Barbora)
 

  Che tre sere, dopo cene,
a sentasi 'o sin lats fr
par cjal la lune plene
cha sclopve di lusr.

E l'er, che spss al mene
fuis e sfrss atr, atr
in ch sere al no fasve
nncje un fregul di rumr. 

Jo i dit a la m femine 
cha' gustave chel sflandr, 
"No ti par che chiste sene
a fs la voe di fa l'amr?"
 
"Ancje j grs a son di vene 
sint ce alte cha' n la vs, 
cun che biele cantilne 
di sigr lu cjatin fr".

J rispuind, cun vs di pene,
cha caps il gno ardr 
ma no sa parc la cene
a ja fat, di cjf, dolr. 

La nature e simpri biele
ma a voltes a lasse il cur
frd, e sence la fevele 
di pre il bon Signr.
 



L'infint
(L'infinito) Di Giacomo Lepoardi
Voltt par furlan, cence garenze o responsabilitt, da Armando Miorini
 
Simpri a cjr a mi stade cheste culine 
solitarie e cheste cse, che a mi plate unevore 
dae viste da l'ultim oriznt. 
Ma biel sentt e cjalant, par di l di j, 
lcs cence fin e cidinrs che a stramontin l'umn, 
e imns padin tal mi pinsir mi figuri; 
cuss che par pc il cr nol si spaurs. 
E come che o sint il vint a busin tal bosc, 
o confronti chel cidinr infint cun chiste vs: 
e mi visi l'eterno, lis stagjons muartis, 
e ch vive di cum, e il s sun. 
Cuss, jenfri chiste imensitt, il mi pinsir si inne: 
e o soi felz di l a fons in chest mar. 

Sempre caro mi fu quest'ermo colle,
e questa siepe, che da tanta parte
dell'ultimo orizzonte il guardo esclude.
Ma sedendo e mirando, interminati spazi 
di l da quella, e sovrumani silenzi, 
e profondissima quiete io nel pensier mi fingo; 
ove per poco il cor non si spaura. 
E come il vento odo stormir tra quelle piante, 
io quello infinito silenzio a questa voce vo comparando: 
e mi sovvien l'eterno, e le morte stagioni, 
e la presente e viva, e il suon di lei. 
Cos tra questa immensit s'annega il pensier mio:
e il naufragar m' dolce in questo mare.
 

La cjandela
(Bruno Cargnelutti)

I sn coma la cjandela
ca fs ls finche and 'e cera
ma na volta consumada
a ven gnot prima di sera.

La s flama trimulina
a da vita fin ca splent
ma e na vora delicada
po studasi dal moment.

Il clarr ca fs di sera
fin al scr ca le plui font
nus compagna pa che strada
par no pierdisi pal mont.

N sin come la cjandela.
al puest da flama vin il cr
e a chell'anma di stopa
n la vin, ma ch no mr.

LA PORTATRICE
(Bruno Cargnelutti)
 

Letare di un Alpin
(Bruno Cargnelutti)
 

Lass sore che montagne
che segnt il so destin
in cheu agns, di dure guere
cun chel pas chi vin vicin.


Cu la cjame su la schiene
su pal troi a s'incjamine
da so vite no j'impuarte
pur di riv la su la cime.


Fadiose ' la salide
quant cal plf o cal nev
a part che plomp pa sclope
al soldt ca l' in trinc.


E son l; du ca la spietin
par cjam la Ir mitralie
e tegn il nem lontan
cal vl pass, di c, in Italie.


Ma in un viz, a mieze strade
l'abil cechin, da puest platt
in miez al pt a l colpide
butanle ti tiere senze flt.


fl so sanc dt a Patrie
e la so biele zoventt
un onr par cheste tiere
dal gran esempli chi vin vt..


Mandi o cjare portatrice
(li chei tinips pur ancje biei;
tu seis entrade ta lejende
come eroine dai Cjargnei.

Se purtrop, non ves di faie
a torn a cjase, da me nt
gn cjar am, parchel tal ds
che chel moment lu sint vicin.

Se plui di me tu as fortune
e tant tal auguri di cr
ta vs un di da me fame
quant chi tu passis, pal Fril.

A lor tu ds che quatri ries
che tu par me tu sts scrivint
no pos dopr com la pene
che pis e mans ormai no sint.

Tu ds cussi a la me spose
dut il ben che jo j voi
c'al viodi tant di che canae
ca no ju lasi da besoi

Tu consolis me puare mari
che j di fs a non d plui
ca si ricuardi tas preieris
quant chi sarai, lass cun Lui

Intant sclopade la bufere
e dut intr si tinč di blanc
che lungje file si fermade
e no ja fas a l indennt.

No iai plui fan e nancje frt
sint dome il cr c'al bat benplan
la me cuviarte e 'za di nv
e il gn pensr l 'za lontan.

Un atri alpin a sind'elt
in chel so timp' ca l'e plui biel
' fat onr a la so plume
che cun orgoj, l' sul cjapel.

NINE-NANE
(GIRANI PETROZZI - ERSILIA CAMBIERASI)

Sta cidn, fs la nanute,
la nanute cul pap,
'e dondle la scunute,
ma la mame no lu sa.

Pare mame, 'e j tornade
tal pas dal bon Ges:
a ciatle, une zornade
ancie n larin lass...

'E fs nane la giatute,
al fs nane il cocod;
ancie tu fs la nanute:
il pap l' c cun te.

Nine-nane, nine-nane,
o rosute dal mi amr...
J la vite une condane
dute a glorie dal Signr.

Ninna-nanna - Sta' zitto, fa' la nanna, la nanna col pap, dondola la culla, ma la manuna non lo sa. Povera mamma, tornata nel paese del buon Ges: a trovarla, un giorno, anche noi andremo lass. Fa la nanna la micina, fa la nanna la gallinella, fa' anche tu la nanna: il pap qui con te. Ninna-nanna, ninna-nanna, o fiorellino del mio amore... La vita una condanna tutta a gloria dei Signore.


Armando Miorini mi scrive:
     Ho letto un articolo che spiega come, negli ultimi vent'anni, il numero delle persone che parlano la lingua friulana diminuito del 50% circa. 
     Provo una grande tristezza al pensiero di qualche cosa di profondamente nostro  va scomparendo. 
     Ho avuto occasione in questi giorni di leggere una poesia di Novella Cantarutti, che stata mia compagna di scuola, che mi pare adatta ad esprimere questo sentimento di malinconia.

L'ultima stela

Tu chi tu disfluris
sora la croda,
ultima stela,
fermati.
Tal ceil sblanct da l'alba
'i ai poura
di un'altra d da vivi.


Monsclapada 

(Otello Silvestri)
Monslapada una collina che si sfiora percorrendo la strada che da Orsaria porta a Manzano, 
strada che gli orsariesi chiamano "Strada del bsc" ed i manzanesi ... "Sgjavana".

'E jara una vlta
una stradela svelta
plena di busis e di sdrups.
'E jara largja e streta,
'e veva i vols
a man zampa e dreta
e a ogni pas
'e leva fr di plomp.
'E jara mieza di argjla
e mieza di punca,
strafnta cu la ploa
e tacadiza, groplsa
di scais e di bals,
in timp di sut.
'E leva ben pr zocui,
zavatis di vacja
e firs di mus;
insts, zopedns e stuartis.
Compin cui bs.
El cjr a sduns,
i bugjei che si sbassiavin,
il cif a rondui,
i bras a f di binta
pr no col a bas dal s'cjalr.
Ma cul fen, o ce nizzadis!
e se si rabaltava,
j a mangj moris
in t'una cisa di bars.
0 ce mas, o ce ucadis!
Pins, pinessis, glant,
felt, bambc, molc,
jarbis tenaris e spizztis,
freulis di bosc, palt
e tanc' penacui morn.

Pampauc di quais,
inciuc di parnis
e' l plumbin des alis,
tramiz al berghel dei mucs
e'l sgrose dei fasns,
sfiandors e stupis.
Gno pari el leva a se
il fen di avost,
e trs tris di lr.
'j deva di falzt
de mont 'e ualmacja,
el beveva te buracja
el tornava gotis di sudr.
0 ce lavr di mbui,
o ce menadis di bras
pr chel sdavs
di fen salvadi.
Che stradela cjochela
cum si fata biela.
Drezzada, inglereada,
splanada fr pr fr,
tratrs e machinis
la corin di sburida.
Di c e di l,
la mont splantada,
riplantada a vigna,
mi pr un cranio virt,
impirt di pi di ciment,
lines a squara,
mits in ria, a fl...
Un gnf stil,
un parft quadri cubist,
un biel simiteri futurist,
di fr a l' scrit:
Propriet privata,
vietato l'accesso.