Poess-2

Vittorio Cadel da Fanna
(TNX Elio Toffolo)

TI RICUARDITU?
Ti i busst la prima vlta
sot li fueis di tistignr
dongja un bar di cassia flta
cha scusava da ripr. 
Tu fasevis na corona 
di balutis di fusiel
par portla alla Madona, 
e picjaila ntor dal cuel 
Ti ai bussada, e i soi restt
par devant, in genoglon 
avilt e scuintit
a preti pal perdon. 
Sul moment, tu sos vignuda rossa, 
come un rap di fuessin 
potu as dt na gran riduda
cha mi stada comi il tuessin.
 

LA GLESIA DA LA MADONA DI STRADA
Biela glisiuta blancja e silenzisa 
sra ch riba, cujeta, 
crufulada tra dut chl vrt,
tu pr na biela fada
vignuda ju dal cil, colour di rsa.
Dal Raut turchin, pai prs fin a la Csa
a te il salt al ven dogni contrada
E al trima pai morrs dongja la strada
su la planura granda e luminsa.
E adasi a lu ript dentri li fueis
laria cha ven dal Colvara, lusint
j pa la verda calma dai Magreis
Dal cjampanili intant su la t schena,
sui flours pa la taviela suridint
a plouf la vous alegra a gola plena. 
A MESSA PRIMA
Il prdo sul altr da la Madona
al sbrovava su a la svelta la missuta
E par la glsia al dut na robona
chi nencjal di four su la placiuta,
i blus drecis su par na colona
a train di vli a cualchi squiziuta,
e tra un grignel e laltri di corona
li feminis a si la cntin duta.
I omis "proprio come gnente fossi
  stan a contrat la vacja mora
e cui stralda, e cui si squarta a tossi.
In quanta po ai canis!
Ma ce il marcjt!
Ah Gjes Crist, ven j par un quart dora,
timpresti j un bon ln ml dispedt.

Vittorio Cadel da Fanna - dal libro "Fueis di lria"
(TNX Guido Zanetti)

Fana
 

Quant chi da Spilumbrc su pal stradn
i i trni a iodi Raut e Valavan,
e Fana semenada su chel plan,
c'a pr un scjap di fedis a passn;

i i sint drenti il gno cur un rebaltn,
i salti comi un mat, e da lontan
i buti mil bussadis su la man
al gno paeis algri in chel cjantn.

E lui mi pr chi da lass al mi clama,
e i sint vign li lgrimis tai vi
nencja chi ves da iodi la me mamma.

Io na lu sai parc, ma mondo lri,
quant chi ti torni a iodi tra chei pi
Fana, io ti vuei ben pi di me mri.

`Na glsia di fint mrmul, sblanciada,
ma algra e ben furnida, e tre cjampanis
chi quant c'a sunin dutis di levada
cu la lour vous a emplin li montagnis.

Tra i tistignrs di Rest, da la Stangjda
di  Madolit, di Valavan, Preplanis,
l'aria a ven i cuieta e imbalsamada
sui flours dai milucjrs pa li cjampagnis.

Il Missa da una banda e da che altra
la Colvara, il rc Stuart e il Manarn
a crin i lusint pa la taviela

tra raps di flours. Oh! Fana tu sos biela,
plena di gent algra e di bon vin.
Ah, Fana, comi te, non d' un'alta.
 

 

 

 

Matinada

Planc a planc a crica l'lba
su li cimis da li mons,
e la luna blancia blancia
a si plata lai in fons.
Li stilutis cidinutis
a son dutis distudadis,
e la vous d'una cjampana
a si spant par li valadis.
Tal paeis la gent a plsa
ta la ps da la matina,
pai fossai dongja la strada
l'ga sporcja a cor cidina.
Ogni tant devour li cjasis
qualchi gjal, c'al lupa il d,
al si sgrla quatri cimis
e po al fai chichirichi.
Un'ariuta frescja frescja,
un' ariuta imbalsamada
a ven su da la tavila
e a mi sbfa di rosada,
d'un profum c'al sa di viola,
di mintucia e di pantan
d'un odor di cjera mola,
di basili e di ledn.
Chista ps, chista puisia
a mi iempla dut il cour
d'un content, d'una ligria
c'a m'ingropa il gludidour.
Dut un trat al uca un clstri
i pal brc dal Visil:
e una vecja sbarlufida
a disvueita l'urinl.
Una giovina in carpta
a ven four su un paul
cjantuciant `na casonta
cu'na vous da rusignoul.
Da devour da li montagns
il sorli biel ievt,
a la bussa su la bocja
propriu in chel c'a tira il flt.

 

PAS DISMENTETS

IL PASSARIN

Lungjis litaniis di cjasis
une su ch atre poiadis
par fsi coragjo.
Tu lis jodis passant
par stradis netis,
vueidis.
Dar dai veris 
musis slavadis
da la television piade,
blancjis.
No plui cjacaris
su la piere di cjase.
No plui ridadis di fruts
che al cal dal soreli
a saltavin di cret in cret
come bec di mont,
liseris.
E ts la cjampane
de glesie piule
che a sere e clamave,
unint sacro e profano,
rosaris e amrs.
Passin sbrissant
animis di muarts,
neris.
Ognune tal so sepulcri
si siare a sere,
bissole.

AGATA DEANA
Sore il tr de glesie viele
al cjantave un passarin,
al crodeve, puare stele,
di jessi miei di un gardilin.

E in alt, framie i ni,
dal so cjant lui si beave;
il plui brf dai rusigni
di jessi stt ai sameve.

Tante int ch'a si strupie
par sint il gno cjant d'amr,
al pensave dilunc vie
judint tancj dongje dal tr.

E di borie si sglonfave
nancje fos un grant cjantant,
puaret lui nol pensave
che a messe stessin lant

A son tancj i passarins 
ch'a businin stant adalt
ma no san chei puarins
che nissun ju st scoltant.

AGATA DEANA

Mandi, cjr Aldo e graziis des ts peraulis cuss profondis e cjamadis di emozion.
 Ce biel ch'al ingropsi par alc ch'al rive adore ancjem di fnus bati il cr, 
vu che ducj a zuin a f i "drs" e i cinics dibant! 
Ti zonti, tanche piul presint, tre puisiutis ch'o ai scrit za fa cualchi timp.
Tenti di cont e mandi, Aldo

Al nevee
e mi consoli
e mi sgrisuli
che ancjim mi maravee.
E nol r
ch'o jeri pipin
e no m'indavi
che parie cui flocs
al svolopave
il gno destin.
Mi maravee
usgnot
e mi sgrisuli
e mi consoli
che ancjim al nevee.


Tun cjanton
l'orloi al clope
cul gno cr imberdet
ma no ai voe
di cont nainis
soresere
di zenr.

Peraulis
peraulis ch'o sflurs
dentri di me
e jo no us cr
no us vuei
no us conti.
Peraulis
peraulis ch'o clucs
dentri di me
e jo no us pant
no us vit
no us cerci.
Peraulis
contait di me
cuanche no scolti.

ENZO DRIUSSI

O vit travirs el bsc...

O vit travirs el bsc le To presinze,
Signr,
che sflandorse si palse
cul nassi de zornade.
Mi sint vuluzz dal To vli,
Signr,
chal mt a crt el gno jssi.
In zenogln,
ta chest maraves confessionari
chal sa di muscli, di pin e di genziane,
Ti domandi perdn,
Signr,
par chel cho i ft,
par chel cho fasarai.
O sint, senze vergogne,
a cri j ne lagrime
che va a confondisi, planchin planchin,
cu le rosade.

Attraverso il bosco percepisco la Tua presenza,
Signore,
che splendente si palesa
allo spuntare del giorno.
Mi sento tutto avvolto dal tuo sguardo,
Signore,
che mette a nudo il mio essere.
In ginocchio,
in questo meraviglioso confessionale,
che sa di muschio, di pino e di genziana,
Ti chiedo perdono,
Signore,
di quello che ho fatto
e di quello che far.
Mi accorgo, senza vergogna,
che scorre gi una lacrima,
che va a confondersi, piano piano,
con la rugiada.

MARIO ARGANTE

Dentri la ploe Dentro la pioggia
Dentri la ploe o sint
vs di stagjns
rstadis in vivr
sot la piargule rosse
dal cr.
I corvz stmpin la sere
su la magle dal timp.
Tal cidinr chal cole
su i gnei ps
o cr la me ps.
Ascolto dentro la pioggia
voci di stagioni
rimaste in vivaio
sotto la pergola rossa
del cuore.
I corvi stampano la sera
sulla macchia del tempo.
Nel silenzio che cade
sopra i miei passi
cerco la mia pace!
In fonz dal cr In fondo al cuore
In fonz dal cr, un l
al lidrizde
la so ombrene.
Vf al il parfum
dun mac di ciclamins
tignt adun
dal fl dune zornade
di setmbar
svualade lontan.
In fondo al cuore, un olmo
ha radicato
la sua ombra.
Vivo il profumo
di un mazzo di ciclamini
legato assieme
dal filo di un giorno
di settembre
volato lontano.
Domenie Domenica
Cjasis di domenie, vuidis
come i gnei pinsrs.
Sl i nemi
no son jessz di stale.
Il cocolr pazint
al ciale il cl
ancje pal vieli vuarp
sentt
sot li ss fueis.
Un frut, dilnc la place
al strissine la s fieste
come une lune blancje
tirade cun tun spli.
La vite a la domenie
e mude vieste,
a cjape un altri troi.
Case di domenica, vuote
come i miei pensieri.
Soltanto i buoi
non sono usciti dalla stalla.
Il noce paziente
guarda il cielo
anche per il vecchio cieco
seduto
sotto le sue foglie.
Un fanciullo lungo la piazza
trascina la sua festa
come una luna bianca
tirata con uno spago.
La vita di domenica
cambia veste,
prende un altro sentiero.
Forsi domn la nf Forse domani la neve
Lunvir al cjamine tal bsc
par racuei lis ultimis fueis.
Un fl di garbn
lu compagne cidn
pa no dismovi la tiare.
Forse doman la nf
e cuviarzar lis plantis
masse nudis.
Linverno cammina nel bosco
a raccogliere le ultime foglie.
Un filo di tramontana
lo accompagna in silenzio
per non svegliare la terra.
Forse domani la neve
coprir gli alberi
troppo nudi.

ORAZION D UNVIR
PRE BEPO MARCHET

ORAZIONE D INVERNO
GIUSEPPE MARCHETTI

Madonute des monz e montiselis,
imbramide sul mrmul dai altrs
tal miez dai cjandelrs cence cjandelis!
Ce lontanis lis stelis,
ce murs i fogolrs
in chestis gnoz dunvir disluminadis!
Ma la buere incandide e dispietade
che patafe lis crs
sui trois e su lis stradis,
e puarte atr te grinte des bugadis
qualchi sgrisul di vs
distudade in tal scr,
qualchi sust dispert, qualchi suspr
disfat biel vignint fr.
Madonute, e tu scolte vulintr,
tal tas di ogni ls e di ogni flame,
se une anime ti clame
in chist sofl di buere:
il nestri unvir nol ds altre prejere.
Madonute des glesiis de taviele
e des minis fr vie, pes stradis stuartis!
Ti davirzin lis puartis,
ti ntin di pulvn, ti fsin biele
just pe sagre: une d sole ad an.
Ma co e rive cul, vie pe siarade,
le prime zilugnade,
te criure cidine dut il plan
simbrucjs e singrse;
e i cocolrs atr e i pi de cse
ti mlin-j daprf a planc a planc
une ploe di sflandrs, une scjarnete
di medais d aur e di mglis di sanc.
Madone benedete,
cum chs fueis, piardt ogni slusr
ingritulidis, scjs e cragnsis,
ti scrospin intr:
ma il nuestri unvir nol flors di altri rosis.
O Madonute dai nestris rosaris,
picjade al mr dut nri di cjaln!
L denant un lumn
cul pavr in tal cr des nestris mris,
l d intr incrostadis
avemaris di siet generazions;
dut un revoc di strssiis, di passions,
di vs ualivis, strachis, di zornadis
disvampidis e lmis:
ombris dai vons, ombris des vieris robis
che cischin in volte: "Ora pro nobis! ". . .
E trime la flamute da lumn:
o Mari Sante dai monz e dal mr,
altre vs no vn,
nol ls altri lusr tal nestri unvir.

Madonnina dei monti e dei monticelli,
intirizzita sul marmo degli altari,
fra candelieri privi di candele!
Come sono lontane le stelle,
come sono morti i focolari
in queste notti spente dinverno!
Ma il vento rigido e spietato,
che schiaffeggia le croci
sui sentieri e sulle strade,
porta nella rabbia delle folate
qualche brivido di voce
spenta nel buio,
qualche singhiozzo disperato, qualche sospiro
dissolto prima di essere.
Madonnina, e tu ascolta di buon grado,
nel silenzio d'ogni luce e d'ogni fiamma,
se unanima ti chiama,
nel soffiare del vento:
il nostro inverno non dice altre preghiere.
Madonnina delle chiese di campagna
e delle cappellette fuori mano, per vie tortuose!
Ti aprono le porte,
ti puliscono dalla polvere, ti fanno bella
solamente per la sagra: un solo giorno allanno.
Ma quando qui arriva, durante lautunno,
la prima gelata,
nel gelo silenzioso tutto il piano
simpietrisce e singrigia;
e i noci sparsi e i pioppi assiepati
ti lasciano cadere attorno, adagio adagio,
una pioggia di cose luminescenti, un cernita
di medaglie doro e di macchie di sangue.
Madonna benedetta,
ora quelle foglie, perduta ogni luce,
raggrinzite, secche e sporche,
ti frusciano attorno:
ma il nostro inverno non fiorisce di altri fiori.
O Madonnina dei nostri Rosari,
appesa al muro tutto nero di caligine!
L davanti un lumino
con lo stoppino nel cuore delle nostre madri,
l attorno rapprese
avemarie di sette generazioni;
tutta uneco di fatiche, di passioni,
di voci uguali, stanche, di giornate
spente e lente:
ombre degli avi, ombre di vecchie cose
che bisbigliano a vicenda: "Ora pro nobis!". . .
Trema la fiammella del lumicino:
o Madre Santa dei monti, e del mare,
altra voce noi non abbiamo,
non splende altra luce nel nostro inverno.

NADIA PAULUZZO
(Udine1931-1995)

BESSOLE

Anime, insmp dai agrs cho tu vs cuiete
a cir il prin revc de vierte
bessole tu ss.
Insieme e van su li beorcis i zovins
e si tgnin li mans bussansi.
Apene in flr i prs e tal cl
si dislidin cidns i ni.
Su la cialde tiere di mrz e busine la vite,
il bsc al madrs di violes.
E tu amr tu mi lassis, te vierte.

SOLA

Anima, quando in pace vai fino alle ultime zolle 
a cercare un soffio di primavera, 
da sola tu sei. 
Insieme vanno i giovani per la campagna 
e si tengono per mano baciandosi. 
Appena in fiore i prati e nel cielo 
si sciolgono placide le nubi. 
Sulla calda terra di marzo turbina la vita, 
il bosco matura di viole. 
E tu amore mi lasci, di primavera.

CHE ROSE

Che rose
rosse
cho lassai su la cise umide
di li
la cr vant
cum
vie pe fumate.

Quella Rosa

Quella rosa 
rossa 
che lasciai sulla siepe umida 
di luglio, 
la cerco piangendo 
adesso 
fra la nebbia.

ENOS  COSTANTINI
(nato nel 1949,  vive a Trasaghis)


TAL   MS  DI  MAI
  

L a durm cun t una fruta
Tal  ms  di   mai
E  jevsi  a  vt  a  buinora
Tal  ms  di  mai
E  viodi  il  sorli
Su pas cjass e su pai arbui
E ciamin  sul  asfalt
E viodi il  cl  sern
E la vuarbisina che sbrissa via
su  pai  mrs
E cjamin  adr di un prt
E sint lodr  das  erbas
Chel  odr cuss  fuart
Tal  ms  di  mai
E  sint il profum das  rosas
Chel  profum cuss  fuart 
Tal  ms  di  mai.
Ce impuartial il so non?
J a como lajar di mai a buinra
J a como el sorli di mai
J a como il cl  sern
J a l odr das erbas
J a il profum das rosas
Chel profum cuss fuart
Tal ms  di  mai.
Ma j  a  dura  dut  il timp dal an,
J  a  dura  duta  la  vita.

Andare a dormire con una ragazza, 
nel mese di maggio, 
e alzarsi alle otto di mattina, 
nel mese di maggio, 
e vedere il sole 
sulle case e sugli alberi, 
e camminare sullasfalto, 
e vedere il cielo sereno 
e la lucertola che serpeggia 
sui muri 
e camminare sullorlo di un prato 
e sentire lodore delle erbe, 
quell odore cos forte, 
nel mese di maggio, 
e sentire il profumo dei fiori, 
quel profumo cos forte, 
nel mese di maggio. 
Cosa importa il suo nome? 
Lei come laria di maggio a mattino. 
Lei come il sole di maggio. 
Lei come il cielo sereno. 
Lei ha lodore delle erbe, 
Lei ha il profumo dei fiori, 
quel profumo cos forte, 
nel mese di maggio. 
Ma Lei dura tutto il tempo dellanno, 
Lei dura tutta la vita.

IL  PLEVAN  SUL  BALCON
  

ll  plevn sul balcn da canonica
La canonica in alt sra il pas
Il  pas pognt  sul  cuel
Il  cuel  sot  da  mont
La  mont  sot  dal  cl
Il  cl al   dar  a  innulsi
Il  plevn  al   dar a pre
La  int  a  torna  dai cjamps
Las  pantianas a entrin tas busas
Las cizilas a svulin  bassas
Al tona da banda di Peonas
I  cjans  a son  diferenz
E  i  omps  ancja
E  il  plevn  ancja
Duc a cjlin, duc a sntin, duc a spin
Alc al  fs  same  duc
Prdis, bestias  e  omps
Al    cuss  pardt
Fin quant  cha  clin las primas gotas 
di
PLOJA.
 
Il pievano sulla finestra della canonica; 
la canonica in alto, sopra il paese; 
il paese adagiato sul colle; 
il colle sotto la montagna, 
la montagna sotto il cielo; 
il cielo sta annuvolandosi. 
Il pievano intento a pregare. 
La gente torna dai campi. 
I topi entrano nelle buche. 
Le rondini volano basse. 
Tuona dalla parte di Peonis. 
I cani sono diversi 
e le persone pure 
e anche il pievano. 
Tutti guardano, tutti sentono, tutti spiano. 
C qualcosa che fa assomigliare tutti: 
preti, animali, uomini. 
E cos ovunque, 
fino quando cominciano a cadere le prime gocce 
di  PIOGGIA.

SOT  SERA  A  SALTIN
 

Sot sera a sltin fr las vecjutas
como  surisins  da  cova
dutas  nras, dutas pzulas.
Si confondin cul  scr
a zimnin un tic enfra las stradutas
si trin adr dal mr sot dal lusr
a  si cischin,
a tegnin il cjf  bs.
A son sveltas cuan cha cjaminin di gnot.
A  crin dutas a siersi  in  glsia
como surisns  tal  tramai. 

Sotto sera vengono fuori le vecchiette, 
come topolini dalle tane, 
tutte nere, tutte piccole. 
Si confondono col buio, 
camminano un poco nelle stradine; 
si stringono addosso al muro sotto il lampione; 
si bisbigliano, 
tengono il capo abbassato. 
Sono svelte quando camminano di notte.  
Corrono tutte a rinchiudersi in chiesa, 
come topolini in trappola.

ARRIGO SEDRAN
(mons. ARRIGO SEDRAN - nato a Spilimbergo nel 1921)

ROBI PASSADIS
 

Me mari a batteva i linsoi
su la piera dal lavadr
e po a freiava
un zei di roba,
ancia d unvir
E jo, il codarl
di vot fants,
no jodevi li so mans
rossis dal frt,
ma j butavi
ta lga da la roia
na barciuta di cjarta.
Mia madre sbatteva le lenzuola 
sulla pietra del lavatoio 
e poi sfregava 
un cesto di roba, 
anche dinverno. 
E io, la coda 
di otto figli, 
non vedevo le sue mani 
rosse di freddo, 
ma buttavo 
nellacqua della roggia 
una barchetta di carta. 

Li filandris
a zvin a ciasa a misd
a mangi un bocn
e po a tornavin a lavor
fi a sera
cu li mans ta l ga
e qualchiduna cui voi rs.
Vita grama, nissun lu neia,
ma lr a ciantavin
dut il d
litaniis e cansons damr,
come se in filanda
al fos sempre stt
un ms di mai.
Le filandiere 
andavano a casa a mezzod 
a mangiare un boccone 
e poi tornavano a lavorare 
fino a sera, 
con le mani nellacqua 
e qualcuna con gli occhi rossi. 
Vita grama nessuno lo nega, 
ma loro cantavano 
tutto il giorno 
litanie e canti damore, 
come se in filanda 
fosse sempre stato 
il mese di maggio.


LA MADONE DI GRAZIE 
 

  Ah, fra lis cent d'Italie 
Udin citt zntil, 
Pojade a la planure 
Sott un purissin cl! 

Il mr e i monts ti fasin 
Biele corone intr, 
E lis sos aghis lmpidis 
Ti mande in don la Tor. 

E su la to' culine 
Il to fams hishell, 
E il domo to magnific 
E il to palazz tan' biell; 

E l'agnul sun che' cpule, 
Che al pr dal cl vignd 
Par dti a nn di Dio 
Il so corts sald. 

Ma il to prin vanto, o Udin, 
Il to plui grand onr 
E' j' la sante inmagine 
De' mari del Signr: 

Regl che no l' presit 
D'un otignint dabn, 
Il religis to popul 
Come un tesur la ten; 

E in te' so' biele glesie 
Duh plens di sant amr 
 
A venerle e' corin
Il puar, l'artist, il sir; 

E a la Madone e' puartin 
Ducuanh incens e flrs, 
Nel d de 's lor legrezzis, 
Ne l'ore dei dolrs; 

E ai uestris ps, Marie. 
Si butin suspirand, 
E " mari pietosissime 
Di grazie " us van clamand. 

E vo che 'o ss tant buine, 
Che dute cr 'o ss, 
Un grand afiett par Udin 
Simpri mostrd 'o vs; 

E j' otigns da Dio 
Salt, bondanze e ps, 
E che' piett che grande 
Fra li citats la fs. 

Continuit, o vrgine, 
A bened dal cl 
Chese,h citadins che us amin, 
Cheste citt 'zentl: 

E simpri, o mari nestre, 
Spandit a plenis mans, 
Senze sparin, lis graziis 
Sun duh i puars Furlans. 
 


Timp lt ta flabis - Tempo andato nelle favole
(Celso Macor)
 

Isula inciantada, pas,
che tu ricomparissis ogni gnot
inglutt dal verdr da ciampagnis,
umil e biel e simpri in primavera:
al to romanz 'l fint
se li' bancis son bessolis ta sera.
Tu ss tal mont grs,
dome un nl ch'al ven tornant
par piardisi tal infint
sicu la olma di un ciant,
lassant sbrndui di contis
par fruz ch'a' crssin
e varan dibot dismentet.
Requie, padn
pal timp lt
zidin
lontan, tal passt.
Isola incantata, paese
che ricompari ogni notte 
inghiottito dall'immenso verde delle campagne, 
umile e bello e sempre in primavera: 
il tuo romanzo finito 
se le panche sono sole nella sera. 
Nel mondo grigio 
sei soltanto una nuvola che viene di ritorno 
per perdersi nell'infinito 
come l'eco di un canto, 
lasciando brandelli di racconti 
per bambini che crescono 
e dimenticheranno subito. 
Requiem, pace 
per il tempo andato 
in silenzio, 
lontano, nel passato.


BINDO CHIURLO
Nato a Cassacco nel 1886. Laureato in lettere nel 1909. Professore di letteratura italiana in vari Istituti tecnici italiani e dal 1922 presso l’Universit Ceca di Praga e quindi libero docente in quella di Firenze. Fu uno dei pi noti personaggi che operarono nel campo culturale d’inizio secolo. Nel 1919 fond con A. Feruglio la Libreria Carducci a Udine e cooper con il prof. Ugo Pellis alla fondazione della Societ Filologica Friulana, di cui fu il primo organizzatore. Diresse varie riviste letterarie. Mor nel 1943. 

BUINE SERE, CJASE SCURE...

Buine sere, ciase scure,
ciase scure in miez’ dai ciamps,
e j spieti te’ criure
che ti illuminin i lamps.
Btin undis, btin dodis,
il burlz s’ ingrope in cl :
no uacadis pe’ campagne,
e pe’ vile no un sivl.
Siviladis vie pe vile
quan’ co levi a fa l’amr
e uacadis pe’ campagne,
e vosadis tal sgianr !
Buine sere, buine sere,
ciase scure dal mi cr !
Cui siei pizzui j la dentri,
e bessl j ca di fr.
Lis perulis c’o vin ditis,
lis bussadis di scuindn...
m’insumio? t’insumistu?
dutis ladis a passn !
Colpe tu? Colpe to mri?
colpe m? oh, lassn l...
Il fuc, squasi, a l’ in cinise...
parc llu a sabor?
Fruttazzadis o tristerie,
v vt turt, v vt rasn :
tu pentide cun chel altri,
j bessl a torzen.
Buine sere, ciase scure,
ciase scure in miez dai ciamps,
e j spieti te’ criure
che ti illuminin i lamps.

BUONA SERA, CASA SCURA

Buona sera, casa scura,
casa scura in mezzo ai campi
io aspetto fuori nel gelo
che ti illumini il bagliore dei lampi.
Battono le undici, battono le dodici,
il temporale si ingarbuglia in cielo :
nessun abbaiare nei campi,
n un sibilo per il paese.
Quanti fischi per le strade
quando andavo a fare l’amore
e latrati nei campi
e grida tutto attorno !
Buona sera, buona sera,
casa scura del mio cuore !
Con i suoi figli lei la dentro
io da solo, qui fuori.
Le parole che abbiamo detto,
i baci dati di nascosto...
sogno io? sogni tu?
tutto andato in fumo.
Colpa tua? Colpa di tua madre?
Colpa mia? oh, lasciamo perdere...
il fuoco quasi cenere,
perch cercare di rinnovarlo?
Ragazzate o cattiverie,
aver avuto torto oppure ragione :
tu, pur pentita, sei con l’altro,
io rimasto solo, un giramondo.
Buona sera, casa scura,
casa scura in mezzo ai campi,
io aspetto, fuori nel gelo,
che ti rischiarino i lampi.