Poess-1

Tratte dal libro di Giovanni Mazzolini
"Musiche su testi di autori friulani"
(Societ Filologica Friulana e Amministrazione Provinciale di Gorizia)
A cura di Eraldo Sgubin

CIANTIN

Duc' quanc' in compagnie 
ciantn, ams, ciantn. 
Evive la ligrie 
ciantn fin che podn. 
No vl la vite un boro 
se no si divertn, 
fasn almanco un coro 
no conte se a planchn, 
ciapnlu s cun fleme, 
cuss mir che podn. 
Cuss duc' cuanc' insieme 
cidn, cidn, cidn. 
Ciapnlu s sot vs 
pecit che sin in ps. 
Se fssin anciem 
ce gust co vars io. 
Duc' cuanc' in companie 
ciantn, ams, ciantn, 
evive la ligrie 
ciantn, ams, ciantn.

CANTIAMO 

Tutti quanti in compagnia
cantiamo,amici, cantiamo.
Evviva l'allegria
Cantiamo fin che possiamo
La vita non vale un soldo
se non ci divertiamo,
facciamo almeno un coro
non importa se pianino:
iniziamolo con calma
cos meglio che possiamo.
Cos tutti quanti insieme
pianino, pianino, pianino.
Iniziamolo sottovoce
peccato che siamo in pochi.
Se fossimo di pi
che gusto avrei io.
Tutti quanti in compagnia
cantiamo,amici, cantiamo,
evviva l'allegria, 
cantiamo, amici, cantiamo.

(Fabio Galliussi)

LA GLESIUTE DA SUBIDA 

Sul pecl abandonade, 
blancie, rosse la glesiute 
dai arcazzios taponade 
cuche
fr d'une busute; 
po devant tre colonutis 
cun tun tet par d
rapr, 
dentri un Crist, d
s Madunutis 
e ciandelis sul ort
r

S, sul tr, ds ciampanutis 
col
r scr come muft
po la Cr
s e sisilutis 
che svoltin donge '
l nt.

Sante ps! Ma fs la fote 
se il muini al scampanote. 

LA CHIESETTA DELLA SUBIDA

Abbandonata sulla sommit del colle, 
bianca, rossa la chiesetta
nascosta dalle acacie, 
guarda fuori da un pertugio (tra la vegetazione);
poi davanti tre colonnine
con un tetto per dare riparo,
dentro un Cristo, due Madonnine
e candele sull'altare.

S in cima sul campanile, due piccole  campane
di colore scuro come di muffa, 
poi la Croce e rondinelle!
che volteggiano vicino al nido.

Santa pace! Fa rabbia per 
se il sacrestano scampana.

 (Ermete Zardini) 

TE FRAS'JE 

Sotvie dal zoc si sfrede 
l'ultim lumin lusnt 
e a planc s'invin pe nape 
susprs e vs ridint. 
Si sint l'ultime strofe 
ciantade tal curtl 
intant che si distude 
le ls dongje l'antl. 
Le lune che cime 
framiz dai nui d'arint 
sotvs cum tabae 
cul so stelt lusint. 
Doi crs intant tefras'cje, 
studt l'ultim lusr, 
e tachin a contsi 
leflabe da lamr 
La lune che cime 
framiz dai nui d'arint 
sotvs cum tabae 
cul so stelt lusint. 
Trallalero, trallalero, trallalero, 
trallalero, trallaler.

NELLA FRASCA

Sotto il ceppo si raffredda
l'ultimo lumino luccicante
e piano s'avviano su per la cappa
sospiri e voci sorridenti.
Si sente l'ultima strofa
cantata nel cortile
mentre si spegne la luce 
vicino allo stipite.
La luna che ammicca
in mezzo alle nubi d'argento
sottovoce adesso parla 
col suo lucente cielo stellato.
Due cuori intanto nell'osteria,
spenta l'ultima luce,
incominciano a raccontarsi 
la fiaba dell'amore. 
La luna che ammicca 
tra le nubi d'argento
sottovoce adesso parla
col suo lucente cielo stellato.
Trallalero, trallalero, trallalero,
trallalero, trallaler.

(Enzo Driussi)

NO V PRE BAMBINUTE 

No v pre bambinute, 
che la gnot no conte atr.. 
La bussade 'a bigne 'a sciochi... 
se 'a di jssi un pen d'amr

Vit la lune cha nus ciale ... 
vit chel nl di vi lusinz ... 
e dut el zil al pr ch'al cianti 
che lamr nond cunfins!

ON AVER PAURA, GRAZIOSA BAMBINA...

Non aver paura, graziosa bambina, 
che la notte non va a raccontare intorno ... 
Bisogna che il bacio schiocchi ... 
se deve essere un pegno d'amore.

Vedi la luna che ci guarda ... 
vedi quella nube di occhi lucenti ... 
tutto il cielo par che canti
che l'amore non ha confini. 

(Giuseppe Collodi)

Al SOLDAS SENZA NON

Jo cognossi doi pins che si sbassin
su 'na fuessa di ds valoros
eju bussin assieme da l'aria,
ma nissun il so non no cognos!
Cui mai sono? Cui jarin chei 'zovins
che la vita n donada par n,
si n disfat dal biel non che puartavin
e contenz a si ciatin cum?
Forsi vualtris biei pins lu saveso,
ancia l'aria che passa lu sa,
dome a nualtris nissun pol spiegnus
chist misteri che eterno sar.
Ma se i nons no savn dai ds 'zovins
che la vita im donada cuss
ben savn che son muarz, par la Patria
par salvnus dal barbar nem.
Chist 'l vonda par bel ricuardju,
par orngi di rosis la crs.
Ave, o animis bunis e santis,
che nissun in chist mont vus cognos,
jo cognossi doi pins che si sbassin
su 'nafuessa di ds valoros.
Ave Maria, Ave Maria.

Al SOLDATI SENZA NOME

lo conosco due pini che si abbassano
su di una fossa di dieci valorosi
e li baciano insieme con l'aria,
ma nessuno conosce il loro nome!
Chi mai sono? Chi erano quei giovani
che hanno donato la vita per noi
si sono privati dei bel nome che portavano
ed ora si trovano contenti
Forse voi bei pini lo sapete,
forse anche l'aria che passa lo sa,
soltanto a noi nessuno pu spiegare
questo mistero che eterno sar.
Ma se noi non sappiamo i nomi dei dieci giovani
che hanno donato cos la vita, 
ben sappiamo che sono morti per la Patria
per salvarci dal barbaro nemico.
Questo basta per ben ricordarli
per ornare loro di rose la croce
Ave, o anime buone e sante
che nessuno in questo mondo vi conosce,
io conosco due pini che si abbassano
su di una fossa di dieci valorosi.
Ave Maria, Ave Maria.

(Dolfo Carrara Marmul)

'A SOI STUFE...

A soi stufe, done mari 
'a soi stufe di pat. 
Jo no speri in nissun miedi 
ch nissun mi pol vuari. 
No par me no 'nd' rimiedi, 
che 'o voi-j come 'l stupin. 
Quan'che'l ueli al si cunsume, 
al si stude ancie 'l lumin. 
Ma s'a ols, fit pr la prove. 
e clamaimit chel moret, 
A pol stj che lui 'l mi curi 
s'a gi fis un bon azzet.

SONO STUFA...

Sono stufa, donna madre ...
sono stufa di patire ...
Io non spero in nessun medico
dato che nessuno mi pu guarire.
No, per me non c' rimedio
dato che io deperisco come lo stoppino ...
Quando l'olio si consuma
si spegne anche il lumino.
Ma se volete, fate pure la prova
e chiamatemi quel moretto ... 
Pu darsi che lui mi curi
se gli fate una buona accoglienza.

(Giuseppe Collodi)

LA PIERE DEVANT LA PUARTE 

Mi pls tant, tate,
cum che no tu ss plui,
sintmi su la piere
devant la puarte
da nestre cjase sul Quarin
come te, quant che a sere,
strac muart dal tant se,
pojz la falz e 'l codr,
l tu polsavis
e une tazze di vin
e une boade di fun
ti rimetevin cul mont
in armone.

Tornavin lis s tai boz
e dar da paradane
fodrade di edare
fumavin tal plan,
cuintre la ls dorade
dal tramont, ancje i camins
sul lis cjasis di Cormns.
'L passt tant timp,
ma chist vin che vu
'o bevi e che lizr
mi cr par ogni vene,
al ven da viz di chel ronc
vizzin a risultive
l che tu s tant grimt,
e, come chel dai toi spagnoi,
ancje chist, fun blanc,
a zerclis simpri plui larcs
viars il cl planc planc
si alze e si disfante
tra chi nui lontans,
di l che forsi,
cum che tal firmament
dutis s'impin lis stelis,
tu mi viodis, pari me,
sintt, al to puest,
su chiste piere.

LA PIETRA DAVANTI ALLA PORTA

Mi piace tanto, padre,
adesso che non ci sei pi,
sedermi sulla pietra
davanti alla porta
della nostra casa sul Quarin
come te, quando a sera
stanco morto per il tanto falciare
deposti la falce e il portacote,
l riposavi
e un bicchiere di vino
e una boccata di fumo
ti rimettevano col mondo
in armonia.

Tornavano le api negli alveari
e dietro la staccionata
foderata di edera, 
fumavano nel piano,
contro la luce dorata
del tramonto anche i camini
sulle case di Cormns.
E' passato tanto tempo,
ma questo vino che oggi
io bevo e che leggero
mi corre per ogni vena,
viene dalle viti di quel vigneto
vicino alla sorgente
dove tu hai faticato 
e, come quello delle tue sigarette, 
anche questo fumo bianco
a cerchi sempre pi larghi, 
verso il cielo lentamente
si alza e si scioglie
tra quelle nubi lontane
da dove forse
ora che nel firmamento
tutte si accendono le stelle,
tu mi vedi, padre mio,
seduto al tuo posto, 
su questa pietra.

(Eraldo Sgubin)

IO SOI INAMORAT DAL BIEL 

Co viodi una musuta biela 
il cr mi fs volt il zerviel, 
nofoi l'amr, no, no, ninina 
ma inamort jo soi dal biel.

E doi voglons quant che mi cialin 
languis e dols comi un agnel: 
no foi l'amr no, no, ninina, 
ma soi puartt dome pal biel.

Se doi lavrs come zariesis 
si movin sl un pc par me: 
nofoi l'amr, no, no, ninina, 
ma par i biei voi va fr di s.

E se una man dilicatina 
mi strenz i dz un sl moment 
no foi l'amr no, no, ninina 
ma par il biel ji sentimnt.
SONO INNAMORATO DEL BELLO

Quando vedo un bel visetto
il cuore mi fa girare il cervello,
non faccio l'amore, no, no carina
ma sono innamorato del bello.

E due occhioni quando mi guardano
languidi e dolci come un agnello:
non faccio l'amore no, no, carina,
ma sono portato soltanto per il bello.

Se due piccole labbra come ciliegie
si muovono soltanto un poco per me
non faccio l'amore, no, no, carina
ma per gli occhi belli vado fuor di me. 

E se una mano delicatina
mi stringe le dita un solo momento 
non faccio l'amore, no, no, carina
ma per il bello ho sentimento.

(Dolfo Carrara Marmul)

CIANTE PR 

Ciante pr ciante, ninine...
ciante pr sul to pujl 
ch'ancie 'l gri, 'ste sere al ciante, 
compagnt dal rusignl.

Benedet lamr co 'l zorne... 
benedet el zl co 'l splent...
Dome un cr senze speranze 
'a nol vf che di torment. 
Ciante pr, ciante pr, ninine.
CANTA PURE

Canta pure canta, carina ... 
canta pure sul tuo poggiolo
che anche il grillo questa sera canta
accompagnato dall'usignolo. 

Benedetto l'amore quando canta allegramente... 
benedetto il cielo quando splende... 
Soltanto un cuore senza speranza
non vive che di tormento.
Canta pure, canta, carina...

(Giuseppe Collodi)

TANGO

Il balarin indurmidt 
ogni tant 'l in zenoglon, 
al si drezze sun tun pt 
al si ten a pindulon. 
Mieze crote, lafrutate 
sta piciade palfiantt, 
'a si strenz come une mate, 
'a si stuarz come un bist. 
E ogni tant a'si rondlin 
o si sbssin ducidi, 
fan un ps e pr che clin 
restant drs come pandi. 
V crods che sei une danze? 
No puarz, jan ml di panze!
IL TANGO

Il ballerino addormentato
ogni tanto in ginocchio, 
si drizza su di un piede, 
si tiene a penzoloni.
Mezza nuda, la ragazza 
sta appesa al giovanotto, 
si stringe come una pazza, 
si contorce come un'anguilla.
Ogni tanto si voltolano insieme
o si abbassano entrambi
fanno un passo e sembra che cadano
restando rigidi come balordi.
Voi credete che sia una danza?
No poveretti, hanno mal di pancia!

(Ermete Zardini)

GNOT
Ce gnot serene, ciare bambine,
ce tantis stelis pai trois dal cl,
e sot la nape dal cl turchine
un spic di lune cuss sutl.
Il cc al ciante t'une ciarande
i crs e uchin vie pai fossi
e la campagne je di ogni bande
dute un misteri pi font che mai.

  NOTTE
Che notte serena, cara bambina,
quante stelle per i sentieri del cielo;
e sotto la cappa turchina del cielo
uno spicchio di luna cos sottile!
Il cuculo canta in una siepe
le rane gracidano allegramente nei fossi;
e la campagna d'ogni parte
tutta un mistero, pi profondo che mai.

(Giovanni Lorenzoni)

SINTIMENZ DI PS

Sintisi dentri el cr 
a sponzi intant 
che ta l'anime 
a si morstin 
i sintimenz di ps 
che si crodvin smentes.

SENTIMENTI DI PACE

Sentirsi dentro il cuore
pungere mentre
nell'anima
maturano
i sentimenti di pace
che si credevano dimenticati.

(Enzo Driussi)

NEF E FUC 

Ze triste chiste 'zornade d'invir 
cun tante nf che ven j zidine 
e cuviarz il tet, cuviarz la strade, il morr 
cu la s blancje e frede mantiline. 
In zime di un arbul in ta crire 
al trame sl in tal ram un nt vut; 
cussje la m anime, avilide 
co nissun 'l cun me, 
cuss frt 'l il cr, cuss frt. 
Ma cjatinsi, cjrs ams, devant dal fc: 
ta chel blec di calr dismente il mont 
al sars biel col so furr.
Par scjaldsi une socje nus bastars 
e une bozze di vin e po une biele cjantose, 
une legre cjantose in compagnie.
NEVE E FUOCO

Che triste questa giornata d'inverno
con tanta neve che vien gi silenziosa
e copre il tetto, copre la strada e il gelso
con la sua bianca e fredda mantellina.
In cima ad un albero nel freddo acuto
trema solo sul ramo un nido vuoto;
cos la mia anima, avvilita 
quando nessuno con me
cos freddo il cuore, cos freddo.
Ma troviamoci, cari amici, davanti al fuoco
in quel cantuccio di calore dimenticare il mondo
sarebbe bello col suo furore.
Per riscaldarci ci basterebbero un ceppo
e una brocca di vino e poi un bel canto
un allegro canto in compagnia.

(Eraldo Sgubin)

LA FONTANE DAL FAT 

Sinti li' gotis da l'aghe.
Mi ricurdin une sere 
plene di stelis, 
il cori di ds lusignis 
fra la cjarande e la fontane, 
la lune tal zl d'arint. 
Sinti ancjem l'aghe 
a gote a gote 
col tal timp.
LA FONTANA DEL FAT

Sento le gocce dell'acqua
Mi ricordano una sera
piena di stelle,
il correre di due lucciole
fra la siepe e la fontana, 
la luna nel cielo d'argento.
Sento ancora l'acqua
goccia a goccia
cadere nel tempo.

(Guido Felice Simonetti)

VORES

Vors innemi t'un prt di jarbe verde
rodolmi, rodolmi e sinti su la muse
il ghiti di un frosc 
e tal ns l'odr di margaritis
e sofl su t'un flr di tale e po viodilu
a dispiardisi tal ajarn cliput
e ridi, ridi come un frut 
cul cr di un frut
e svuacar cui pis t'un riuc'
e cori, cori, cori cul ajar 
ch'al sdavasse i cjavei
e pinsirs e vai di contentece 
supant gols el sl des lagrimis
e torn, torn legri viars cjase
e sigant un grazie, grazie al mont.
Vors innemi t'un prt, 
t'un prt di jarbe verde,
ma podaraio? Mai, mai, mai.

VORREI

Vorrei annegarmi in un prato di erba verde
voltolarmi, voltolarmi e sentire sul viso
il pizzicore di uno stelo d'erba 
e nel naso l'odore di margherite
e soffiare su di un fiore di tarassaco 
e poi vederlo
disperdersi nell'arietta tiepidina
e ridere, ridere come un bambino 
col cuore di un bambino
e sguazzare coi piedi in un ruscelletto
e correre, correre, correre con l'aria 
che scompiglia i capelli
e pensieri e piangere di contentezza 
succhiando goloso il sale delle lacrime
e tornare, tornare allegro verso casa
e gridando un grazie, grazie al mondo.
Vorrei annegarmi in un prato, 
in un prato di erba verde,
ma lo potr? Mai, mai, mai.

 (Enzo Driussi)

TI UEI BEN

"Ti uei ben" 'na d ti vevi
ingiavt in tun biel pin;
la m fruta un mont gioldeva,
si strenzeva a me vizzin.
"Ti uei ben" plui grant vigniva
e altretant il nostri amr
ogni d lui aumentava
di vivezza e di calr
Ma passs tros ains che jarin
da la d che ji sculpt:
"Ti uei ben" plui no cresseva
e il colr veva smart.
Ancia il nostri amr
no jara plui tant cialt e spensiert:
disfredt un pc par volta,
pc, ben pc, jara restt.
Una d una saeta trai tal pin
e slambra il scrit:
in ch d l'amr muriva,
sl restavi e inmatunt.

TI VOGLIO BENE

"Ti voglio bene" un giorno avevo
scolpito in un bel pino:
la mia ragazza godeva un mondo,
e si stringeva vicino a me.
"Ti voglio bene" diventava pi grande
e altrettanto il nostro amore
ogni giorno cresceva
di vivezza e di calore.
Ma trascorsi molti anni
dal giorno che l'ho scolpito
"Ti voglio bene" pi non cresceva
e il colore aveva sbiadito.
Anche il nostro amore
non era pi tanto caldo e spensierato:
raffreddato un po' per volta
poco, ben poco era rimasto.
Un giorno un fulmine si scarica nel pino
e squarcia lo scritto:
in quel giorno l'amore moriva,
ed io restavo solo e intorpidito

(Dolfo Carrara)

TU S LA MUSE DI MADONE 

Tu s la muse di Madone
'ne buciute come un flr,
tu ss biele plui da stele
plui dal zl co'l va in amr.
HAI UN VISO DI MADONNA

Hai il viso di Madonna
una boccuccia come un fiore
sei bella pi della stella
pi del cielo quando va in amore.

(Giuseppe Collodi)

SON DOI VI 

Son doi vi colr di more 
che no fan che lusign
A' si stdin sl di sere, 
quan'ch'o passi par di l. 
Oh, podssio luminju 
senze pre dal tramont, 
vuars vivi di soreli 
come l'albe insomp da mont. 
Voli in voli ores cialti 
e bussti di mur 
ma'l to cr nol sint la fiame 
che lu invide di sflur. 
Son doi vi color di more 
che non fan che lusign
A'a si studin sl di sere, 
quan'ch'o passi par di l
SONO DUE OCCHI

Sono due occhi color di mora
che non fanno altro che luccicare ... 
Si spengono soltanto di sera,
quando io passo per di l.
Oh potessi io illuminarli
senza paura del tramonto
vorrei vivere di sole
come l'alba in cima al monte
Occhio nell'occhio vorrei guardarti
e baciarti da morire
ma il tuo cuore non sente la fiamma 
che lo invita a fiorire
sono due occhi color di mora
che non fanno che luccicare
si spengono solo di sera
quando passo di la.

(Giuseppe Collodi)

SIUM 

Cheste gnot 'o i sintude 
une vs te scurett, 
che planchn mi fevelave: 
rial sium, rial realtt? 
Tu vars, 'e mi diseve, 
il segret dal cl turchin 
l'aur de stelis e de lune 
dut il mont senze cunfin. 
Ma jo pronte cun coragio 
soi tornade a d: 
Signr, dut quant 'o lassi 
no domandi che l'amr
SOGNO

Questa notte ho sentito
una voce nell'oscurit,
che sommessamente mi parlava
era sogno o realt?
Tu avrai, mi diceva,
il segreto del cielo turchino
l'oro delle stelle e della luna
tutto il mondo senza confine.
Ma io pronta con coraggio
ho ripreso a dire: Signore,
tutto quanto io lascio
non domando altro che l'amore.

(Francesca Nimis Loi)

DULA' SONO CHS ZORNADIS 

Dul sono chs zornadis,
bambinute dal Signr, 
dul mai ise ch vile 
l co levin a f l'amr
DOVE SONO QUELLE GIORNATE
 
Dove sono quelle giornatej 
piccola bimba del Signore,
dove mai quella villa 
dove andavamo a far l'amore?

(Franco de Gironcoli)

PARZ FASTU

Parz fastu ch musate 
e chi vi d'indemonit? 
'A tu ss come la lune 
che s'in'nule a zil stelt. 
Sjojo che ti foi ombre 
che tu ss cuss ledrs? 
No si plante une jme 
co si sa di si Zels. 
Torne a jssi chel di prime: 
sclet e legri e mataran... 
No s'impaste la farine 
senze un' onze di levan.
PERCH FAI .....

Perch fai quel brutto muso
e quegli occhi da indemoniato'?
Tu sei come la luna che si annuvola
a cielo trapunto di stelle 
Sono io che ti faccio ombra
he sei cos corrucciato?
Non si impianta una famiglia 
quando si sa di essere gelosi.
Torna ad essere quello di prirna:
schietto, allegro e mattacchione.... 
non s'impasta la farina 
senza un'oncia di lievito.

(Giuseppe Collodi)

SIARE I VOGLUS

Siare i vugluz, ninine, 
e ciale di durm 
Cui sa che 'l sun nol vegni 
Par fti indurmid. 
No si di vpaure 
se 'l criche 'l luminut 
La mame che ti vegle 
j 'l vli dapardut. 
Ch ombre no je un'ombre, 
ma je la mame t 
Su dur, su dur, ninine, 
che 'l sun al ven cum. 
Al za ca, bambine, 
che 'l siare i siei vugluz 
che 'l dur ... al dur ... capstu ? 
e al dur ... al dur ... cui fruz 
Cui fruz che non ciacrin 
Cui fruz che stan cujez 
e al dur, al dur, ninine, 
e al dur, al dur za un piez.
CHIUDI GLI OCCHIETTI

Chiudi gli occhietti, carina ... 
e guarda di dormire .... 
hiss che il sonno non venga 
per farti addormentare.
Non si deve aver paura 
se frigge il lumicino ... 
La mamma che ti veglia
ha l'occhio dovunque.! 
Quell'ombra non un'ombra, 
ma la mamma tua ... 
Ors dormi, s dormi,carina
che il sonno viene ora.
E' gi qua,bambina
che chiude i suoi occhietti
e dorme ... dorme ... capisci?
e dorme ... dorme ... coi bambini
Coi bimbi che non parlano ... 
coi bimbi che stanno cuieti ... 
e dorme, dorme, piccina, 
dorme, dorme gi da un pezzo.

(Giuseppe Collodi)

SE'L FLUN AL MR 

Se 'l flun al mr
Se la risultiva si suja,
se i rii no partin plui aga al flun,
se li' lidriis rumadis
si secin tal brus dal soreli,
se i ns a' fasin cressi
savalon e clas e Nuja,
se lassin tapon
cul asjlt la jarba samenada tai secui,
se 'l flun al va a dispiardisi tal mar
e nol torna,
al flun al mr
Di n no restar che ciant e lienda
se 'l flun al mr
SE IL FIUME MUORE

Se la sorgente si asciuga,
se i rivoli non portano pi acqua al fiume
se le radici erose
si disseccano nel bruciare del sole,
se gli uomini fanno crescere
sabbia e sassi e Nulla,
se lasciano coprire con l'asfalto
l'erba seminata nei secoli,
se il fiume va a disperdersi nel mare
e non torna,
il fiume nnuore:
di noi non rester che canto
e leggenda
se il fiume muore.

(Celso Macor)

CIARIS MANS  

Ciaris mans che ciaressavin 
il me cif di pizzulfrut: 
parz mai seso sparidis? 
Parz mai vus jai piardut? 
Oh! biei voi che mi adoravis
quant coJari zovinut: 
parz mai plui no rideso? 
Parz mai vus jai piardut?
CARE MANI

Care mani che accarezzavano
il mio capo di piccolo bambino:
perch mai siete sparite?
perch mai vi ho perdute?
O begli occhi che mi adoravate
quando ero giovinetto:
perch mai pi non ridete?
perch mai vi ho perduti?

(Dolfo Carrara Marmul)

LA SERE  

Co la sere a gnot si sbasse 
'a distire un vl sutil 
s'inombrs a planc la tiare 
fin che 'l d no'l mr in zl. 
Za une stele 'a cuche e 'a vogle, 
za di ls el zl 'l plen 
Di lontan l'Avemarie 
vise i vs cul so din dn.
LA SERA

Quando la sera 
sconfina nella notte
distende un velo sottile ... 
La terra si copre d'ombra
finch il giorno non muore in cielo ...
Da lontano l'Ave Maria 
avverte i vivi ... coi suo din?den.

(Giuseppe Collodi)